Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post da Ottobre, 2020

La Pasta del “Trappitaro”

  La Pasta del “Trappitaro” Tempo d’olive, frantoi aperti e olio nuovo.   Sembra ieri e invece è volato via mezzo secolo da quando poco più che un bambino, passavo interi pomeriggi nel vecchio frantoio di fronte casa mia. Attratto da quelle grosse ruote in pietra che giravano notte e giorno, schiacciando le olive appena portate dai campi, fino ad ottenere una poltiglia, che veniva spalmata su dischi circolari di corda, con un grosso foro al centro, “ I vrisql”. Tre dischi con la pasta, uno vuoto e sopra un pesante disco di metallo, infilati in un tubo d’acciaio. Ogni carrello alto circa due metri, una volta pieno era spostato a fatica sotto delle enormi presse o così a me sembravano viste con gli occhi di un ragazzino. Le presse lentamente schiacciavano la pasta facendo fuoriuscire un liquido rossastro marrone verde che era poi passato in un macchinario che centrifugandolo separava l’olio dall’acqua. Quanto olio ho visto uscire da quella macchina infernale ma geniale

Torta rustica,del riciclo in dispensa.

  Torta rustica,del riciclo in dispensa.   Puntualmente almeno una volta a settimana riordiniamo la nostra dispensa, per lasciare spazio alle nuove provviste e non sia mai che si debba buttare qualcosa. Ortaggi formaggi e quanta altro non sufficienti alle nostre preparazioni, tutti insieme daranno vita ad una favolosa torta rustica, vediamo insieme come realizzando quella che vi propongo, gli ingredienti naturalmente possono cambiare a seconda di quello che dobbiamo riciclare, spostiamoci quindi ai fornelli ed andiamo ad iniziare.    Ingredienti:  melanzana sedano cipolla, mozzarella passita, salsiccia piccante uova ricotta e formaggio grattugiato, basilico prezzemolo, capperi, pomodorini, olive denocciolate, aceto balsamico, vino bianco aglio olio evo e pasta sfoglia, si proprio quella che stava per scadere.  Execution:  iniziamo mondando gli ortaggi, riduciamo la melanzana ad una dadolata, come il sedano e la cipolla,priviamo la salsiccia dal budello e lasciamo stufare

Pasta dell’amico Calabrese.

  Pasta dell’amico Calabrese. Tutti noi abbiamo un amico, oppure un parente calabrese e se proprio ci dice male, abbiamo un amico che ha un amico calabrese, poi se siamo proprio sfortunati e qui e proprio sicuro l’amico che avrebbe dovuto avere un amico calabrese ma invece purtroppo non c’e l’ha e sicuro al duecento per cento che abbia un amico calabrese che un paio di volte durante l’anno gli regala un po’ di   !!!!!!, ma quella nostrana magari fatta in casa, e cosa fa se ne a lui ne ai suoi amici piace il piccante!!! La regala a noi che sappiamo apprezzare e ringraziamo per il dono offertoci. Tutto questo preambolo per annunciare il piatto di oggi che avrà come ingrediente principale un eccellenza   calabrese, squisitamente indescrivibile per bontà e libidine golosa.    Ingredienti:  !!!!!!!, cipolla, olio, sale, menta, concentrato di pomodoro, formaggio grattugiato a piacere pecorino, parmigiano oppure ricotta forte di pecora.    Execution:    Come sempre iniziamo

Spaghetti aglio e olio con cappelunghe o cannolicchi e pomodori confit

  Spaghetti aglio e olio con cappelunghe o cannolicchi e pomodori confit Primo piatto di mare oggi con dei favolosi frutti del nostro adriatico le cappelunghe o cannolicchi Che porteranno nel piatto un intenso sapore di mare.      Ingredienti: Cannolicchi, aglio olio prezzemolo, pomodori confit, vino bianco e peperoncino.   Execution:  iniziamo lasciando spurgare i cannolicchi in acqua e sale, avendo a disposizione acqua di mare microfiltrata e sicuramente preferibile. Dopo aver lasciato spurgare i frutti di mare passiamo alla loro pulizia apriamo i cannolicchi eliminando le due valve e la sacca scura con l’intestino, durante questa operazione uscirà dai nostri frutti di mare dell’acqua facciamo attenzione a non perderla, svolgendo il tutto su un contenitore, il liquido recuperato verrà filtrato e tenuto da parte insieme ai frutti. Portiamo a bollore l’acqua per lessare gli spaghetti, nel frattempo prepariamo un ampia padella con olio evo, aglio tagliato a lamelle sottili

Only triglie, la frittura perfetta.

  Only triglie, la frittura perfetta. Troppo piccole per la livornese, troppo piccole per ricavarne filetti carnosi da abbinare ad una pasta, che ne facciamo, ma la frittura perfetta. Avrete capito che parliamo di triglie e allora via ai fornelli ed in pochi step realizzeremo la mia frittura perfetta e come diceva un mio caro amico napoletano fritto e buono anche il foglio di giornale.    Ingredienti:  triglie, freschissime piccole ma sode e colorate, olio di semi per friggere userete quello che più vi piace, farina di tipo 0, sale rosa   ghiaccio e limone.    Execution:  iniziamo sviscerando e squamando le triglie, dopo aver lasciato sgocciolare trasferiamole una mezz’ora in frigo. Mentre aspettiamo prepariamoci un vassoio con la farina, versiamo l’olio nella padella in ferro per la frittura e iniziamo a scaldarlo, quando inizieremo dovrà essere super bollente, ma non fumare. In un piatto piano aggiungiamo un po’ di cubetti o paline di ghiaccio, appena l’olio sarà pr

“I cmarulitt ca rschell”, colazione e aperitivo cenato d’altri tempi.

  “I cmarulitt ca rschell ”, colazione e aperitivo cenato d’altri tempi. Vi propongo oggi una chicca sfiziosa di altri tempi, quando il duro lavoro nei campi e non solo veniva allietata da una colazione molto particolare e la sera magari dopo aver saltato il pasto si cenava con un frugale apericena, ma tutto questo in un epoca che ormai purtroppo non ci appartiene. Vediamo insieme di cosa si tratta.   Ingredienti:  peperoncini di fiume, ( i cmarulitt), pane, olio evo e peperoncino, sale.   Execution:  sciacquiamo i peperoncini di fiume conosciuti come friggiteli e nel nostro dialetto santacrocese i cmarulitt, asciughiamoli e lasciamoli soffrigger in abbondante olio evo dove avremo aggiunto anche del peperoncino piccante, una volta pronti togliamoli dalla padella, che riportata prontamente sul fuoco accoglierà nel suo olio bollente fette di pane, tante fin quanto sarà presente dell’olio in padella, perché l’olio e prezioso e non va buttato mai e anche perchè se avanza d

Polletto in umido con peperoni patate e pomodorini.

    Polletto in umido con peperoni   patate e pomodorini. Un confort food per un pranzo completo e appagante, che ci riscalderà in questi primi giorni di freddo autunnale. Semplice da realizzare con un bel po’ di ingredienti si ma una ricetta facilissima e relativamente veloce ma la parte più lunga non avrà bisogno della nostra presenza, quindi spostiamoci ai fornelli e iniziamo.   Ingredienti:  polletti, peperoni, patate, pomodorini, cipolla, aglio, olio sale vino bianco, spezie a piacere, timo rosmarino, basilico prezzemolo pepe e peperoncino.   Execution:  iniziamo subito fiammeggiando i polletti per eliminare eventuali piume ancora presenti, dividiamo i polletti a metà una metà per ogni porzione, in un tegame dai bordi alti e dal fondo spesso versiamo dell’olio evo, portiamolo sul fuoco e aspettando che scaldi tagliamo la cipolla e l’aglio a lamelle sottili, tagliamo anche i peperoni a pezzettini, e le patate già sbucciate a quadrettoni ideali per lo spezzati

Tagliatelle con funghi e crema di funghi alla curcuma.

  Tagliatelle con funghi e crema di funghi alla curcuma.   Un piatto veloce di pasta con un condimento autunnale, i funghi che coloreremo e insaporiremo con una spezie dalle tante proprietà, la curcuma.   Spostiamoci velocemente ai fornelli e prepariamo questa versione orientale delle tagliatelle con i funghi.    Ingredienti:  Funghi Pleurotus ostreatus freschi, aglio prezzemolo olio evo, sale curcuma peperoncino fresco, dolce e piccante, vino bianco per sfumare.    Execution:  Acqua per la pasta sul fuoco e sempre la prima cosa da fare quando iniziamo a cucinare. Tagliamo a listarelle i funghi, padella   con olio e un paio di spicchi di aglio, lasciamo dorare e tuffiamoci dentro i funghi insieme a un po’ di gambi di prezzemolo, lasciamoli rosolare per bene e sfumiamo con del vino bianco, lasciamo evaporare la parte alcolica e aggiungiamo un po’ di brodo vegetale, in mancanza del quale aggiungeremo acqua, un mestolo piccolo,lasciamo cuocere per altri dieci minuti a

Bucatini pomodorini radicchio e burrata.

  Bucatini pomodorini radicchio e burrata. Veloce no velocissimo forse, ma sicuramente strepisotamente buono il piatto che andiamo a preparare, per il pranzo di metà settimana, corriamo ai fornelli e divertiamoci insieme.   Ingredienti: pomodorini, radicchio, burrata, olio, sale peperoncino basilico e naturalmente i nostri bei bucatini, principi della pasta secca italiana.   Execution:  mondiamo i pomodori datterino e tagliamoli a metà, versiamo dell’olio evo in padella con uno spicchio di aglio che lasceremo imbiondire quando ben dorato togliamolo e versiamo i pomodorini, un pizzico di sale grosso, copriamo e lasciamo cucinare a fiamma bassa Passiamo al radicchio dopo averlo sciacquato togliamo dalle foglie la costa centrale bianca e più dura, tutto il resto tagliamolo a julienne e aggiungiamolo ai pomodorini. Caliamo in acqua bollente e salata i bucatini stando molto attenti alla cottura, infatti essendo bucati facilmente potranno risultare scotti e questo noi non lo

Caserecce con melanzane guanciale e nduja.

  Caserecce con melanzane guanciale e nduja. Un piatto di pasta appagante e squisitamente delizioso quello che andremo a preparare oggi con la nostra ricetta, non sarà un piatto gourmet oppure di alta cucina, ma credetemi preparandolo prenderete letteralmente per la gola i vostri commensali, che non potranno fare a meno di chiederne ancora un po’.   Ingredienti:  melanzane, guanciale, nduja, ricotta stagionata, menta, peperoncino fresco, olio aglio sale e naturalmente le nostre caserecce.    Execution:  iniziamo tagliando il guanciale e versato in padella partiamo con il fornello più piccolo al minimo, pentola con acqua su quello più grande, mentre il guanciale inizia a sudare tagliamo a funghetti le melanzane, appena il guanciale inizierà a rosolare togliamolo dalla padella tenendolo da parte, nella stessa padella aggiungiamo un po’ d’olio che si mischierà con quello rilasciato dal guanciale, riportiamolo a temperatura e aggiungiamo i funghetti di melanzana lasciando

I Coppi

 Video tutorial.  realizzazione e asciugatura del nuovo formato di pasta fresca di dal legno ai fornelli. con rastrelliera circolare 

Aglio olio e peperoncino risottati al nero di seppia.

  Aglio olio e peperoncino risottati al nero di seppia. Oggi prepareremo insieme la ricetta più veloce semplice ed economica in assoluto, quella che ti risolve il pranzo e in qualche caso la cena degli amici all’improvviso, aglio olio e peperoncino, Ma!!!!!!! Rendiamola un po’ chic e un po’ gourmet per soddisfare anche la vista oltre al palato.   Piccola premessa: facile arricchire un piatto di pasta con un ingrediente speciale e di conseguenza anche costoso, bottarga, tartufo,crostacei e non vado oltre.   Possiamo ottenere un risultato simile se non addirittura migliore con un ingrediente non sempre apprezzato come meriterebbe e non gradito dai più. Premessa nella premessa, tutti abbiamo il pescivendolo di fiducia dove ci riforniamo e che conosciamo da anni, tutti sappiamo che moltissimi clienti delegano proprio il pescivendolo nella pulizia del pescato acquistato, vuoi per tempo per incapacità, a qualcuno da fastidio farlo comunque il nostro pescivendolo si presta b

Follow by Email

Informazioni personali

La mia foto
Dal legno ai fornelli
santa croce di magliano, cb, Italy
Blog di cucina, ricette della tradizione e non solo, piatti veloci, vegetariani, primi piatti di mare e di terra, zuppe legumi, risotti. Salse, finger food, e tutto ciò che riguarda il mondo del food. Potete seguire il blog e commentare i post, chiedere consigli e ricette. Flaviano Iammarino alias dal legno ai fornelli sarà sempre disponibile. Dal legno ai fornelli e anche cuoco a domicilio, affiliato alla piattaforma internet di gnammo. Com per eventi di home food Contatti. flavianoiammarino@gmail.com cell. E watsapp +39 3381864330 Pagina Facebook. Instagram, Twitter, you tube, LinkedIn, dallegnoaifornelli.