Passa ai contenuti principali

“I Caragnoli”, dolci natalizi di tradizione in basso Molise.

 

“I Caragnoli”, dolci natalizi di tradizione in basso Molise.

I dolci della tradizione basso Molisana a Natale, “I Caragnoli”.

Pochi ingredienti e un po’ di pazienza per la realizzazione dei dolci di Natale, in basso Molise, a Santa Croce di Magliano dove vivo conosciuti anche come “Carangl”, delizia per grandi e piccini, che si divertono a leccarsi le dita appiccicose del miele con cui vengono ricoperti, ma passiamo subito ad illustrare la ricetta dei caragnoli Molisani, iniziando dagli ingredienti a cui seguirà la descrizione passo passo per finire come sempre con un po’ di foto e oggi anche un breve filmato.

 

Ingredienti: 

Farina di tipo zero, uova, zucchero, olio per friggere, miele.

Per i dolci come sappiamo bene non possiamo andare ad occhio e quindi ecco le dosi: 500 g di farina, 5 uova, 50 g di zucchero.

Execution:

La forma data a questi dolcetti e un po’ particolare, necessita di un fuso un  bastoncino di legno di dieci millimetri di diametro e circa venticinque centimetri di lunghezza, poi il pettine così chiamato che serviva per far attaccare le parti e sfilare la composizione avvolta intorno al fuso, il pettine veniva realizzato intrecciando dei fili di paglia, non avendone a disposizione utilizzeremo la tavola dove realizziamo gli gnocchi o i garganelli, per questo vi invito a visionare il breve video presente nella ricetta oppure il video che potrete trovare sul mio canale you tube, dal legno ai fornelli.

Realizziamo un impasto morbido, dopo averlo lasciato un po’ a riposo per una ventina di minuti, ricaviamo delle sfoglie abbastanza doppie cinque sei millimetri di spessore che taglieremo a strisce di sei sette millimetri, arrotoliamo con il palmo delle mani a formare un cordoncino di venticinque trenta centimetri di lunghezza e del diametro di circa sette otto millimetri, avvolgiamo la pasta così lavorata intorno al fuso creando una sorta di elica intrecciata, ed anche per questo vi invito a visionare il video.

 

Una volta terminato l’impasto passiamo a friggere i caragnoli in olio bollente, lasciamoli perder l’olio in eccesso su carta assorbente e lasciamoli raffreddare, terminiamo di friggere e prepariamo un tegame con dentro il miele, portiamolo a temperatura fin quasi a  bollore e immergiamoci dentro i caragnoli uno alla volta per pochi secondi, disponendoli in un vassoio, continuiamo così per tutti e una volta terminato possiamo spolverare con  poco zucchero a velo, conserviamo a temperatura ambiente coperti con una campana di vetro e a disposizione di chiunque di tanto in tanto abbia voglia di assaggiarli.

Questo vassoio colmo di caragnoili girava per casa per tutta la durata delle feste Natalizie, per la gioia dei bambini che ne potevano approfittare senza essere tanto controllati, ma anche per i più grandi attratti da quelle bontà ricoperte di miele.

Abbiamo terminato anche oggi la nostra ricetta, e Flaviano alias dal legno ai fornelli come sempre vi saluta con l’augurio di trascorrere serene festività Natalizie.

 


 











 

Commenti

Post popolari in questo blog

Crumble di pane tostato, aromatizzato alla curcuma e alla paprica dolce.

Crumble di pane tostato, aromatizzato alla curcuma e alla paprica dolce. Per dare croccantezza e colore alle nostre ricette, utilizzeremo del crumble di pane tostato aromatizzato alle spezie. Di seguito vi illustrerò come lo realizzo io per impreziosire e dare croccantezza ai mie piatti. Ingredienti: mollica di pane non troppo fresca un paio di giorni va bene, alloro olio evo, aglio, curcuma, paprica dolce. Execution: prendiamo della mollica di pane sgranata, non troppo rafferma, e portiamola in una padella calda, la fiamma dovrà essere bassissima, aggiungiamoci un paio di foglie di alloro e uno spicchio d’aglio sbucciato, iniziamo la tostatura mescolando insieme il composto con l’aiuto di una paletta, dopo qualche minuto aggiungiamo un cucchiaio di olio evo per mezzo kg di mollica e continuiamo a rimescolare il composto, dopo una decina di minuti inizieremo a vedere la nostra mollica che andra asciugando perdendo l’umidità in essa contenuta, sempre mescolando do

Zanchetta o Pataraccia all’acqua pazza, in forno.

Zanchetta o Pataraccia all’acqua pazza, in forno. La  zanchetta o pataraccia , da noi conosciuta come chianchetta, fa parte dei pesci poveri, spesso sottovalutata per questo, ma a torto perche ricca di proprietà nutrizionali e poverissima di grassi. Nelle sue taglie piccole e utilizzata fritta, ma nelle taglie degli esemplari maturi possono raggiungere anche i venticinque centimetri, le sue carni sapranno sorprenderci piacevolmente con la loro sostanza e delicatezza. Andiamo quindi a prepararla oggi all’acqua pazza, cucinata in forno. Ingredienti: Zanchetta, pescato fresco, aglio olio prezzemolo, rametto di timo, pomodorini,sedano alloro cipolla, peperone verde acqua, vino bianco sale e pepe. Execution: la prima cosa da fare appena tornati dal mercato e pulire il pescato sviscerandolo, tagliando le pinne dorsali e sciacquandolo sotto acqua corrente, io tolgo anche le branchie e tutte le parti scure che troviamo all’interno, che in cottura darebbero un gusto a

Calamarata di terra

Calamarata di terra “Piatti veloci di giugno melanzana zucchina mela e pomodorini “ Ingredienti: per due persone una melanzana piccola,una zucchina, 10 pomodorini e 190gr di pasta. Olio sale 4 foglie di alloro aglio mezza mela golden meglio se un po’ appassita,peperoncino origano Prezzemolo e formaggio grattugiato ( parmigiano o pecorino o ricotta stagionata) vino bianco. Scaldiamo un filo di olio in padella con spicchio d’aglio peperoncino e le foglioline d’alloro aggiungiamo una dadolata di melanzana e zucchina abbastanza piccola  stufiamo a fiamma vivace sfumiamo con vino bianco e aggiungiamo prima la mela sempre a dadini e poi i pomodorini tagliati in quattro mescoliamo per bene e copriamo. Lasciamo andare cosi per tutto il tempo di cottura della pasta. Scoliamo la calamarata e tuffiamola nella padella dove prima avremo tolto le foglioline di alloro e lo spicchio d’aglio ultimiamo la cottura risottando e  aggiungendo un po’ di origano amalgamiamo e impiat

Informazioni personali

La mia foto
Dal legno ai fornelli
santa croce di magliano, cb, Italy
Blog di cucina, ricette della tradizione e non solo, piatti veloci, vegetariani, primi piatti di mare e di terra, zuppe legumi, risotti. Salse, finger food, e tutto ciò che riguarda il mondo del food. Potete seguire il blog e commentare i post, chiedere consigli e ricette. Flaviano Iammarino alias dal legno ai fornelli sarà sempre disponibile. Dal legno ai fornelli e anche cuoco a domicilio, affiliato alla piattaforma internet di gnammo. Com per eventi di home food Contatti. flavianoiammarino@gmail.com cell. E watsapp +39 3381864330 Pagina Facebook. Instagram, Twitter, you tube, LinkedIn, dallegnoaifornelli.

Followers