Passa ai contenuti principali

Blu oltremare, “ Risotto di mare”.

 

Blu oltremare, “ Risotto di mare”.

Per la serie riso e risotti, prepariamo oggi un risotto di mare con il pescato fresco che sono riuscito a reperire, non tantissimo ma utilizzeremo quel po’ in modo da portare in tavola un risotto di mare bello colorato ma soprattutto gustosissimo, andiamo quindi ad elencare gli ingredienti, descrivere l’esecuzione della ricetta ed infine scattare un po’ di foto prima di servire, seguitemi quindi in cucina per iniziare.

 

Ingredienti:

Scampi gamberi e canocchie, calamari, cozze, vongole lupini grandi, piccola lucerna, sedano carota e cipollotto fresco, peperone verde, finocchietto fresco, alloro, olio evo, burro, sale concentrato di pomodoro, pomodori secchi, vino bianco, e un buon riso carnaroli.

Per la salsa blu, cavolo cappuccio viola patate, latte e olio evo.

Per guarnire prezzemolo fresco, fiori di timo, per il croccante chips di codine del carapace di  gamberetti.

 

Execution:

Iniziamo subito con la pulizia del pescato, lasciamo interi ed integri due scampi, priviamoli solamente del filo scuro l’intestino, sciacquiamo le canocchie e portiamole ne congelatore per una ventina di minuti, togliamo da tutti gli altri crostacei gli occhi e l’intestino, recuperiamo la polpa della coda e portiamo in frigo, sfilettiamo la piccola lucerna, uniamo la lisca e la testa ai carapaci dei crostacei, mentre i filetti vanno in frigo, puliamo bene bene le cozze e lasciamo in acqua e sale le vongole, prendiamo adesso le canocchie quasi congelate, così sarà più facile privarle del carapace ed ottenere tutta la polpa integra, sul mio canale you tube trovate il tutorial su come eseguire questa operazione.

Prepariamo adesso il brodo che ci servirà per cuocere il risotto, pentola con acqua fredda, tuffiamoci dentro le verdure tagliate grossolanamente, sedano carota cipollotto, aggiungiamo abbondante finocchietto fresco, foglia di alloro, peperone verde una fetta, un paio di pomodori secchi, un cucchiaio di concentrato di pomodoro, il carapace e le teste di tutti i crostacei, la lisca della lucerna, portiamo sul fuoco e lasciamo che cuocia un ora e mezza,

nel frattempo ne abbiamo di cose da fare, la prima e pelare due tre patate e lessarle, per velocizzare tagliamo le patate a piccoli pezzi, stufiamo del cavolo cappuccio viola in padella con un filo d’olio evo un pizzico di sale e due foglie di alloro, aggiungiamo un po’ d’acqua e copriamo la padella lasciando cucinare a fiamma bassa, l’alloro oltre a dare profumo mitigherà di non poco l’odore forte del cavolo in cottura,

tagliamo i calamari a striscioline sottili per il senso della lunghezza, ed insieme ai tentacoli portiamoli in una piccola padella aggiungiamo un filo d’olio evo e stufiamoli per non più di due tre minuti, togliamo dal fuoco e teniamo da parte, lasciamo aprire adesso le cozze insieme alle vongole, padella con olio evo aglio e prezzemolo, con l’aiuto di pinze togliamo dalla padella sia le vongole che le cozze man mano che si schiudono, non cuciniamole troppo altrimenti resteranno asciutte e gommose, terminata l’operazione filtriamo il liquido ottenuto e teniamolo da parte insieme ai mitili,

uniamo il cavolo cappuccio alle patate lessate, nel bicchiere del frullatore, aggiungiamo un po’ d’olio evo e una noce di burro, del latte intero e saliamo, quindi frulliamo fino ad ottenere una crema liscia e vellutata, versiamo in un pentolino e teniamo da parte,

le piccole code dei gamberi vanno in una padellina che portiamo sul fuoco, aggiungiamo un niente di burro e posizioniamo un peso, io utilizzo lo schiaccia carne, arrostiamo da ambo i lati fino ad ottenere delle meravigliose chips croccanti,

in una padella lasciamo arrostire gli scampi lasciati interi, aggiungendo solamente per adesso un cucchiaino piccolo di olio evo e un pizzico di sale.

Assaggiamo il brodo e aggiustiamo di sale, portiamo sul fuoco il tegame per il risotto, scaldiamo e tostiamo il riso a secco, quando pronto sfumiamo con del buon vino bianco e lasciamo evaporare, iniziamo quindi a versare il brodo, mai tanto ed iniziamo la cottura, ci vorranno circa quindici venti minuti a seconda della qualità del riso, giunti quasi a metà cottura versiamo anche il brodo ottenuto dall’apertura dei mitili, nel frattempo aggiungiamo nella padella dove abbiamo arrostito gli scampi i filetti di lucerna e iniziamo a rosolarli, aggiungiamo anche gli scampi e un mezzo mestolo del brodo di pesce e verdure, togliamo i filetti di lucerna e aggiungiamoli al riso, quindi proseguiamo con i calamari e tutta la polpa dei crostacei che avevamo da parte, portiamo cosi a cottura e solo alla fine versiamoci dentro le cozze e le vongole, tenendo da parte solo quelle per la guarnitura del piatto, aggiungiamo del prezzemolo tritato e lasciamo riposare un paio di minuti fuori dal fuoco,

passiamo adesso ad impiattare, livelliamo il risotto battendo sul fondo del piatto e guarniamo con le cozze le vongole e gli scampi arrostiti in bella vista, ancora una fogliolina di prezzemolo le chips di carapace di gamberi, i fiori di timo ed infine decorimo con la vellutata di cavolo viola tiepida che con il suo blu intenso ci ricorderà il blu del mare.

Serviamo ben caldo e auguriamo buon pranzo ai nostri commensali, a me Flaviano alias dal legno ai fornelli non resta che salutarvi con un abbraccio virtuale e darvi appuntamento alle prossime ricette.
















 

Commenti

Post popolari in questo blog

Crumble di pane tostato, aromatizzato alla curcuma e alla paprica dolce.

Crumble di pane tostato, aromatizzato alla curcuma e alla paprica dolce. Per dare croccantezza e colore alle nostre ricette, utilizzeremo del crumble di pane tostato aromatizzato alle spezie. Di seguito vi illustrerò come lo realizzo io per impreziosire e dare croccantezza ai mie piatti. Ingredienti: mollica di pane non troppo fresca un paio di giorni va bene, alloro olio evo, aglio, curcuma, paprica dolce. Execution: prendiamo della mollica di pane sgranata, non troppo rafferma, e portiamola in una padella calda, la fiamma dovrà essere bassissima, aggiungiamoci un paio di foglie di alloro e uno spicchio d’aglio sbucciato, iniziamo la tostatura mescolando insieme il composto con l’aiuto di una paletta, dopo qualche minuto aggiungiamo un cucchiaio di olio evo per mezzo kg di mollica e continuiamo a rimescolare il composto, dopo una decina di minuti inizieremo a vedere la nostra mollica che andra asciugando perdendo l’umidità in essa contenuta, sempre mescolando do

Zanchetta o Pataraccia all’acqua pazza, in forno.

Zanchetta o Pataraccia all’acqua pazza, in forno. La  zanchetta o pataraccia , da noi conosciuta come chianchetta, fa parte dei pesci poveri, spesso sottovalutata per questo, ma a torto perche ricca di proprietà nutrizionali e poverissima di grassi. Nelle sue taglie piccole e utilizzata fritta, ma nelle taglie degli esemplari maturi possono raggiungere anche i venticinque centimetri, le sue carni sapranno sorprenderci piacevolmente con la loro sostanza e delicatezza. Andiamo quindi a prepararla oggi all’acqua pazza, cucinata in forno. Ingredienti: Zanchetta, pescato fresco, aglio olio prezzemolo, rametto di timo, pomodorini,sedano alloro cipolla, peperone verde acqua, vino bianco sale e pepe. Execution: la prima cosa da fare appena tornati dal mercato e pulire il pescato sviscerandolo, tagliando le pinne dorsali e sciacquandolo sotto acqua corrente, io tolgo anche le branchie e tutte le parti scure che troviamo all’interno, che in cottura darebbero un gusto a

Calamarata di terra

Calamarata di terra “Piatti veloci di giugno melanzana zucchina mela e pomodorini “ Ingredienti: per due persone una melanzana piccola,una zucchina, 10 pomodorini e 190gr di pasta. Olio sale 4 foglie di alloro aglio mezza mela golden meglio se un po’ appassita,peperoncino origano Prezzemolo e formaggio grattugiato ( parmigiano o pecorino o ricotta stagionata) vino bianco. Scaldiamo un filo di olio in padella con spicchio d’aglio peperoncino e le foglioline d’alloro aggiungiamo una dadolata di melanzana e zucchina abbastanza piccola  stufiamo a fiamma vivace sfumiamo con vino bianco e aggiungiamo prima la mela sempre a dadini e poi i pomodorini tagliati in quattro mescoliamo per bene e copriamo. Lasciamo andare cosi per tutto il tempo di cottura della pasta. Scoliamo la calamarata e tuffiamola nella padella dove prima avremo tolto le foglioline di alloro e lo spicchio d’aglio ultimiamo la cottura risottando e  aggiungendo un po’ di origano amalgamiamo e impiat

Informazioni personali

La mia foto
Dal legno ai fornelli
santa croce di magliano, cb, Italy
Blog di cucina, ricette della tradizione e non solo, piatti veloci, vegetariani, primi piatti di mare e di terra, zuppe legumi, risotti. Salse, finger food, e tutto ciò che riguarda il mondo del food. Potete seguire il blog e commentare i post, chiedere consigli e ricette. Flaviano Iammarino alias dal legno ai fornelli sarà sempre disponibile. Dal legno ai fornelli e anche cuoco a domicilio, affiliato alla piattaforma internet di gnammo. Com per eventi di home food Contatti. flavianoiammarino@gmail.com cell. E watsapp +39 3381864330 Pagina Facebook. Instagram, Twitter, you tube, LinkedIn, dallegnoaifornelli.

Followers