Passa ai contenuti principali

Risotto alle seppioline,….. dispettose,che con il loro nero…….

 

Risotto alle seppioline,….. dispettose,che con il loro nero…….

Oggi risotto di mare, il mio amico pescatore, mi ha regalato delle fantastiche seppioline,che sono l’ideale per il risotto che ho intenzione di preparare, intanto dopo aver ringraziato il mio amico mi sposto ai fornelli e inizio, seguitemi e andiamo a prepararlo insieme.

 

Ingredienti:

Seppioline fresche, cipolla, prezzemolo vino bianco, burro, parmigiano grattugiato, limone biologico, peperoncino fresco dolce, riso carnaroli, brodo vegetale classico, sedano carota cipolla, zucchina alloro, coriandolo e cumino, fiori eduli a discrezione.

 

Execution:

Iniziamo subito la ricetta preparando il brodo vegetale, pentola acqua e dentro, sedano carota e cipolla, zucchina una foglia di alloro ed un cucchiaio di semi di cumino, portiamo sul fuoco e dimentichiamocene per almeno un paio d’ore, proseguiamo, pulendo le seppioline, apriamole per sviscerarle facendo attenzione a non aprire le piccole sacche contenenti l’inchiostro prezioso, recuperiamo quindi le piccole vesciche e teniamole da parte, le seppi sono molto piccole quindi anche le sacche lo saranno, ma comunque sufficienti per colorare ed insaporire il risotto, l’umami che si concentra proprio nell’inchiostro gia da solo basterebbe per condire cento piatti, andiamo avanti tagliando il corpo delle seppioline a julienne, lasciamo intero il ciuffetto con i piccoli tentacoli e teniamo da parte.

Terminata la fase preparatoria, possiamo rilassarci qualche minuto sorseggiando un caffè, per tornare alla nostra ricetta un po’ più carichi,

portiamo sul fuoco una padella con dentro un po’ d’olio evo e mezza cipolla piccola finemente tritata lasciamola stufare qualche minuto e aggiungiamo la julienne di seppia ed i ciuffetti di tentacoli, rosoliamo a fiamma vivace fin quando si asciuga tutta l’acqua che naturalmente tirerà fuori la seppia e sfumiamo con del vino bianco, lasciamo evaporare, aggiungiamo un mestolo di brodo vegetale aggiustiamo di sale e lasciamo cuocere per circa trenta minuti a fiamma bassa e padella coperta.

Passata la mezz’ora possiamo iniziare la cottura del riso, ma prima, aiutandoci con pinze da cucina togliamo dalla padella i ciuffetti con i tentacoli e trasferiamoli in una padella piccola, ci serviranno come guarnitura, quindi li lasciamo abbrustolire quasi a secco, condendoli con prezzemolo peperoncino coriandolo tritato e di tanto in tanto ci versiamo sopra un cucchiaio di brodo vegetale, tutta questa operazione a fiamma bassissima e padella scoperta,

il nostro tegame da risotto e pronto bello caldo e quindi passiamo a tostare il riso, calcoliamo circa cento grammi per porzione più un po’ per la pentola, quando il riso risulterà translucido alla vista sfumiamo con vino bianco, lasciamo evaporare la parte alcolica ma non del tutto ed iniziamo a versare il brodo, sempre molto caldo, la cottura del riso verrà effettuata rimescolandolo con una paletta di legno e aggiungendo sempre brodo all’occorrenza, giunti a metà cottura versiamo la seppia cucinata in precedenza compreso il sughetto, lasciamo insaporire e assaggiamo se giusto di sale, aggiungiamo anche il nero contenuto nelle piccole sacche e continuiamo fino a cottura, sempre aggiungendo brodo quando richiesto dal riso, giunti a cottura ottimale togliamo dal fuoco e mantechiamo con un po’ di burro e del parmigiano, una grattugiata di buccia di limone e lasciamo riposare a tegame coperto per un paio di minuti,

impiattiamo livellando il risotto dando dei colpetti con il palmo della mano, sul fondo del piatto, spolverata di prezzemolo, un po’ di ciuffetti di tentacoli una fine julienne di peperoncino fresco non piccante, concludendo con una grattugiata di buccia di limone, diamo un tocco di colore con un po’ di fiori eduli e serviamo, gustiamo insieme ai nostri amici la bontà di questo piatto e oltre ad augurarci buon pranzo Flaviano alias dal legno ai fornelli vi augura un buon tutto, dandovi come sempre appuntamento alle prossime ricette.











 

Commenti

Post popolari in questo blog

Crumble di pane tostato, aromatizzato alla curcuma e alla paprica dolce.

Crumble di pane tostato, aromatizzato alla curcuma e alla paprica dolce. Per dare croccantezza e colore alle nostre ricette, utilizzeremo del crumble di pane tostato aromatizzato alle spezie. Di seguito vi illustrerò come lo realizzo io per impreziosire e dare croccantezza ai mie piatti. Ingredienti: mollica di pane non troppo fresca un paio di giorni va bene, alloro olio evo, aglio, curcuma, paprica dolce. Execution: prendiamo della mollica di pane sgranata, non troppo rafferma, e portiamola in una padella calda, la fiamma dovrà essere bassissima, aggiungiamoci un paio di foglie di alloro e uno spicchio d’aglio sbucciato, iniziamo la tostatura mescolando insieme il composto con l’aiuto di una paletta, dopo qualche minuto aggiungiamo un cucchiaio di olio evo per mezzo kg di mollica e continuiamo a rimescolare il composto, dopo una decina di minuti inizieremo a vedere la nostra mollica che andra asciugando perdendo l’umidità in essa contenuta, sempre mescolando do

Calamarata di terra

Calamarata di terra “Piatti veloci di giugno melanzana zucchina mela e pomodorini “ Ingredienti: per due persone una melanzana piccola,una zucchina, 10 pomodorini e 190gr di pasta. Olio sale 4 foglie di alloro aglio mezza mela golden meglio se un po’ appassita,peperoncino origano Prezzemolo e formaggio grattugiato ( parmigiano o pecorino o ricotta stagionata) vino bianco. Scaldiamo un filo di olio in padella con spicchio d’aglio peperoncino e le foglioline d’alloro aggiungiamo una dadolata di melanzana e zucchina abbastanza piccola  stufiamo a fiamma vivace sfumiamo con vino bianco e aggiungiamo prima la mela sempre a dadini e poi i pomodorini tagliati in quattro mescoliamo per bene e copriamo. Lasciamo andare cosi per tutto il tempo di cottura della pasta. Scoliamo la calamarata e tuffiamola nella padella dove prima avremo tolto le foglioline di alloro e lo spicchio d’aglio ultimiamo la cottura risottando e  aggiungendo un po’ di origano amalgamiamo e impiat

Zanchetta o Pataraccia all’acqua pazza, in forno.

Zanchetta o Pataraccia all’acqua pazza, in forno. La  zanchetta o pataraccia , da noi conosciuta come chianchetta, fa parte dei pesci poveri, spesso sottovalutata per questo, ma a torto perche ricca di proprietà nutrizionali e poverissima di grassi. Nelle sue taglie piccole e utilizzata fritta, ma nelle taglie degli esemplari maturi possono raggiungere anche i venticinque centimetri, le sue carni sapranno sorprenderci piacevolmente con la loro sostanza e delicatezza. Andiamo quindi a prepararla oggi all’acqua pazza, cucinata in forno. Ingredienti: Zanchetta, pescato fresco, aglio olio prezzemolo, rametto di timo, pomodorini,sedano alloro cipolla, peperone verde acqua, vino bianco sale e pepe. Execution: la prima cosa da fare appena tornati dal mercato e pulire il pescato sviscerandolo, tagliando le pinne dorsali e sciacquandolo sotto acqua corrente, io tolgo anche le branchie e tutte le parti scure che troviamo all’interno, che in cottura darebbero un gusto a

Followers

Informazioni personali

La mia foto
Dal legno ai fornelli
santa croce di magliano, cb, Italy
Blog di cucina, ricette della tradizione e non solo, piatti veloci, vegetariani, primi piatti di mare e di terra, zuppe legumi, risotti. Salse, finger food, e tutto ciò che riguarda il mondo del food. Potete seguire il blog e commentare i post, chiedere consigli e ricette. Flaviano Iammarino alias dal legno ai fornelli sarà sempre disponibile. Dal legno ai fornelli e anche cuoco a domicilio, affiliato alla piattaforma internet di gnammo. Com per eventi di home food Contatti. flavianoiammarino@gmail.com cell. E watsapp +39 3381864330 Pagina Facebook. Instagram, Twitter, you tube, LinkedIn, dallegnoaifornelli.