Passa ai contenuti principali

Spaghetti vongole e cozze con tartare di scampi.

 

Spaghetti vongole e cozze con tartare di scampi.

Spaghetti con le vongole e le cozze, il piatto di mare che fa più estate vacanze e naturalmente tanto mare, ma rendiamo questo classico ancora più squisito, con qualcosa che lascerà in noi un ricordo indelebile di bontà marina, andiamo quindi subito in cucina e prepariamolo insieme, seguitemi con la ricetta passo passo e vi prometto che non resterete delusi.

 

Ingredienti:

vongole lupini, cozze, scampi vivi, pomodorini gialli e datterini rossi, olio evo aglio prezzemolo timo, pepe sale, vino bianco secco, oppure prosecco.

 

Execution:

la prima operazione che ci apprestiamo ad eseguire sarà sciacquare velocemente gli scampi, priviamoli della testa che teniamo da parte, togliamo anche il carapace che riveste la coda polposa, ed eliminiamo il sbudellino nero, tagliamo a pezzetti e condiamo con olio pepe sale timo e un goccio ma proprio un goccio di prosecco, copriamo con pellicola e lasciamo marinare in frigo.

Passiamo alle vongole che lasceremo spurgare in acqua e sale, nel mentre dedichiamoci alla pulizia delle cozze, senza immergerle in acqua strofiniamole con una paglietta di acciaio e sciacquiamo velocemente, se presente naturalmente eliminiamo il filamento le fibre con cui si attaccano agli scogli, o agli appositi fili negli allevamenti in mare,

pronte le cozze e le vongole a spurgare da eventuale residuo di sabbia, iniziamo nel preparare il fondo, padella ampia sul fuoco con aglio olio abbondante e gambi di prezzemolo tritati, lasciamo scaldare bene e dorare l’aglio, aggiungiamo a questo punto le teste degli scampi e i pomodorini gialli e rossi, lasciamo stufare e sfumiamo con vino bianco, una volta evaporata la parte alcolica aggiungiamo un bicchiere di acqua, saliamo giusto un po’, una macinata di pepe e copriamo lasciando cuocere a fiamma bassa.

Altra padella sul fuoco con olio aglio e prezzemolo, lasciamo scaldare e tuffiamoci dentro le cozze, lasciando che si aprano, togliamole velocemente dalla padella man mano che si schiudono e teniamo da parte, filtriamo il liquido fuoriuscito e teniamolo da parte, puliamo un attimo loa padella e eseguiamo la stessa operazione con le vongole, questa volta aggiungendo oltre all’aglio prezzemolo e olio una leggera spruzzata di vino bianco, ripetiamo sempre la stessa operazione aiutandoci con delle pinze, togliamo dalla padella le vongole man mano che si schiudono, teniamo da parte e filtriamo il liquido unendolo a quello delle cozze, dopo aver lasciato un po’ dei nostri mitili con le loro valve schiuse, passiamo a privare del guscio tutte le altre, possiamo tirare fuori dal frigo la tartare di scampi in maniera che raggiunga la temperatura ambiente.

Torniamo al fondo che altro non è che una bisque leggera, togliamo le teste e dopo averle lasciate intiepidire un attimo schiacciamo il loro contenuto lasciandolo finire in padella, aggiungiamo al tutto sia il liquido delle vongole che delle cozze, assaggiamo di sale ma sicuramente sarà bello sapido, a questo punto caliamo gli spaghetti nell’acqua che impaziente sobbolle, un po’ di sale, poco teniamo sempre presente la sapidità del sughetto, raggiunta quasi metà cottura scoliamo gli spaghetti direttamente in padella lasciando risottare fino a cottura, poco prima della quale aggiungeremo in padella anche tutti i frutti sgusciati e quelli interi che faranno da guarnitura, spolveriamo con trito di prezzemolo, copriamo e lasciamo insaporire ed amalgamare un paio di minuti, impiattiamo e guarniamo con la tartare di scampi sul tutto, vongole e cozze faranno bella mostra e per concludere versiamo un paio di cucchiai di brodo presente in padella sulla tartare, serviamo e augurando a tutti un buon pranzo, Flaviano alias dal legno ai fornelli vi abbraccia virtualmente dandovi sempre appuntamento alle prossime ricette.

P.S.

Voglio ricordare che quando utilizziamo del pesce crudo e buona norma, anzi d'obligo che il pescato sia abbattuto, oppure congelato a meno ventiquattro gradi per almeno cinquantase ore.












 

Commenti

Post popolari in questo blog

Crumble di pane tostato, aromatizzato alla curcuma e alla paprica dolce.

Crumble di pane tostato, aromatizzato alla curcuma e alla paprica dolce. Per dare croccantezza e colore alle nostre ricette, utilizzeremo del crumble di pane tostato aromatizzato alle spezie. Di seguito vi illustrerò come lo realizzo io per impreziosire e dare croccantezza ai mie piatti. Ingredienti: mollica di pane non troppo fresca un paio di giorni va bene, alloro olio evo, aglio, curcuma, paprica dolce. Execution: prendiamo della mollica di pane sgranata, non troppo rafferma, e portiamola in una padella calda, la fiamma dovrà essere bassissima, aggiungiamoci un paio di foglie di alloro e uno spicchio d’aglio sbucciato, iniziamo la tostatura mescolando insieme il composto con l’aiuto di una paletta, dopo qualche minuto aggiungiamo un cucchiaio di olio evo per mezzo kg di mollica e continuiamo a rimescolare il composto, dopo una decina di minuti inizieremo a vedere la nostra mollica che andra asciugando perdendo l’umidità in essa contenuta, sempre mescolando do

Calamarata di terra

Calamarata di terra “Piatti veloci di giugno melanzana zucchina mela e pomodorini “ Ingredienti: per due persone una melanzana piccola,una zucchina, 10 pomodorini e 190gr di pasta. Olio sale 4 foglie di alloro aglio mezza mela golden meglio se un po’ appassita,peperoncino origano Prezzemolo e formaggio grattugiato ( parmigiano o pecorino o ricotta stagionata) vino bianco. Scaldiamo un filo di olio in padella con spicchio d’aglio peperoncino e le foglioline d’alloro aggiungiamo una dadolata di melanzana e zucchina abbastanza piccola  stufiamo a fiamma vivace sfumiamo con vino bianco e aggiungiamo prima la mela sempre a dadini e poi i pomodorini tagliati in quattro mescoliamo per bene e copriamo. Lasciamo andare cosi per tutto il tempo di cottura della pasta. Scoliamo la calamarata e tuffiamola nella padella dove prima avremo tolto le foglioline di alloro e lo spicchio d’aglio ultimiamo la cottura risottando e  aggiungendo un po’ di origano amalgamiamo e impiat

Linguine al granchio reale.

Linguine al granchio reale. Granchio reale o granchio blu, specie aliena predatore vorace delle nostre specie autoctone  del nostro adriatico, arrivati con il riscaldamento del nostro mare. Lui e un alieno e vuole conquistarci, noi per aiutare il nostro mare lo catturiamo, cuciniamo e lo mangiamo  un mio caro  amico si e presentato a casa con un po’ di questi strani esseri che hanno iniziato a passeggiare per casa seminando il panico e con il mio nipotino più piccolo che li inseguiva. Dopo la parte divertente, mi preparo per la ricetta che andremo di seguito a descrivere. Ingredienti: granchio reale, olio aglio, prezzemolo basilico vino bianco pomoorini damerini freschi, peperone verde, linguine di gragnano trafilate a bronzo. Execution: armati di guanti antitaglio portiamo i granchi sotto un getto di acqua corrente strofinando il loro carapace, lasciamoli sgocciolare, adesso a contatto con l’acqua dolce saranno più calmi, scusate la fase cruenta che segue, c

Followers

Informazioni personali

La mia foto
Dal legno ai fornelli
santa croce di magliano, cb, Italy
Blog di cucina, ricette della tradizione e non solo, piatti veloci, vegetariani, primi piatti di mare e di terra, zuppe legumi, risotti. Salse, finger food, e tutto ciò che riguarda il mondo del food. Potete seguire il blog e commentare i post, chiedere consigli e ricette. Flaviano Iammarino alias dal legno ai fornelli sarà sempre disponibile. Dal legno ai fornelli e anche cuoco a domicilio, affiliato alla piattaforma internet di gnammo. Com per eventi di home food Contatti. flavianoiammarino@gmail.com cell. E watsapp +39 3381864330 Pagina Facebook. Instagram, Twitter, you tube, LinkedIn, dallegnoaifornelli.