Passa ai contenuti principali

Pici home made al ragù di baccalà.

 

Pici home made al ragù di baccalà.

I Pici, la classica pasta fresca che si aggira in quel dell’umbria,toscana e parte di marche e lazio, un bel girare vero!!

 Li condiremo con un ragù bianco di baccalà fresco, sporcato da un po’ di pomodorini al forno, ho già l’acquolina in bocca al pensiero e quindi spostiamoci ai nostri fuochi di combattimento ed andiamo ad iniziare.


Ingredienti:

Baccalà fresco, pomodorini, capperi, olive nere, cipolla ramata, olio evo sale pepe e peperoncino, finocchietto prezzemolo, vino bianco, brodo vegetale, per la pasta il nostro solito impasto, farina di grano duro semola rimacinata e farina di tipo uno, acqua sale e olio.

 

Execution:

Come sempre quando di mezzo abbiamo della pasta fresca, per ovvie ragioni iniziamo impastado le farine fino a formare un bel panetto da lasciare un po’ a riposo, passiamo velocemente a preparare un po’ di po’odorini che tagliamo a metà, disponiamo su di una placca da forno rivestita e condiamo con un po’ di sale,origano e un filo d’olio, inforniamo a centocinquanta gradi per il tempo necessario a farli asciugare e arrostire, passiamo adesso a privare il baccalà da eventuali lische e dalla sua pelle, realizzando una dadolata grossolana, prepariamo il fondo, in una padella versiamo dell’olio evo, e lasciamo imbiondire un po’ di cipolla ramata tagliata finemente, appena pronta aggiungiamo i capperi dissalati, gambi di prezzemolo tritati  e buona parte del baccalà, stufiamo pochi minuti e sfumiamo con il vino bianco, lasciamo evaporare e aggiungiamo un po’ di brodo vegetale a coprire, aggiustiamo di sale e continuiamo la cottura a padella coperta e fiamma flebile.

Iniziamo adesso la preparazione dei pici, ricaviamo una sfoglia molto doppia, tagliamo delle striscioline e aiutandoci con i palmi delle mani formiamo dei cordoncini lunghissimi e dal diametro che potrà variare dai quattro ai sei millimetri, lasciamoli asciugare su di un vassoio coperto da un canovaccio e spolverati con semola,

torniamo al ragù che si e ristretto ed il baccalà che in buona parte si e disfatto e bello che cotto, a questo punto versiamo in padella anche il resto del baccalà che avevamo da parte, i pezzi più grossolani,ancora un goccio di brodo vegetale e torniamo a coprire, i pomodori sono pronti asciugati e arrostiti tipo confit, tiriamoli fuori dal forno e trasferiamoli dalla placca in un piatto, portiamo a bollore abbondante acqua saliamo e caliamo i pici, la cottura richiederà cinque sei minuti a seconda del diametro, a questo punto versiamo nella padella con il condimento i pomdorini, insieme ad un trito di prezzemolo e di finocchietto selvatico, appena pronta la pasta scoliamola per bene e aggiungiamola al condimento lasciando che si insaporisca per bene, passiamo all’impiatto, guarniamo con un rametto di finocchietto e serviamo fumante.

Flaviano alias dal legno ai fornelli vi abbraccia virtualmente e vi augura buon pranzo, senza dimenticare l’appuntamento alle prossime ricette.








 

Commenti

Post popolari in questo blog

Crumble di pane tostato, aromatizzato alla curcuma e alla paprica dolce.

Crumble di pane tostato, aromatizzato alla curcuma e alla paprica dolce. Per dare croccantezza e colore alle nostre ricette, utilizzeremo del crumble di pane tostato aromatizzato alle spezie. Di seguito vi illustrerò come lo realizzo io per impreziosire e dare croccantezza ai mie piatti. Ingredienti: mollica di pane non troppo fresca un paio di giorni va bene, alloro olio evo, aglio, curcuma, paprica dolce. Execution: prendiamo della mollica di pane sgranata, non troppo rafferma, e portiamola in una padella calda, la fiamma dovrà essere bassissima, aggiungiamoci un paio di foglie di alloro e uno spicchio d’aglio sbucciato, iniziamo la tostatura mescolando insieme il composto con l’aiuto di una paletta, dopo qualche minuto aggiungiamo un cucchiaio di olio evo per mezzo kg di mollica e continuiamo a rimescolare il composto, dopo una decina di minuti inizieremo a vedere la nostra mollica che andra asciugando perdendo l’umidità in essa contenuta, sempre mescolando do

Zanchetta o Pataraccia all’acqua pazza, in forno.

Zanchetta o Pataraccia all’acqua pazza, in forno. La  zanchetta o pataraccia , da noi conosciuta come chianchetta, fa parte dei pesci poveri, spesso sottovalutata per questo, ma a torto perche ricca di proprietà nutrizionali e poverissima di grassi. Nelle sue taglie piccole e utilizzata fritta, ma nelle taglie degli esemplari maturi possono raggiungere anche i venticinque centimetri, le sue carni sapranno sorprenderci piacevolmente con la loro sostanza e delicatezza. Andiamo quindi a prepararla oggi all’acqua pazza, cucinata in forno. Ingredienti: Zanchetta, pescato fresco, aglio olio prezzemolo, rametto di timo, pomodorini,sedano alloro cipolla, peperone verde acqua, vino bianco sale e pepe. Execution: la prima cosa da fare appena tornati dal mercato e pulire il pescato sviscerandolo, tagliando le pinne dorsali e sciacquandolo sotto acqua corrente, io tolgo anche le branchie e tutte le parti scure che troviamo all’interno, che in cottura darebbero un gusto a

Calamarata di terra

Calamarata di terra “Piatti veloci di giugno melanzana zucchina mela e pomodorini “ Ingredienti: per due persone una melanzana piccola,una zucchina, 10 pomodorini e 190gr di pasta. Olio sale 4 foglie di alloro aglio mezza mela golden meglio se un po’ appassita,peperoncino origano Prezzemolo e formaggio grattugiato ( parmigiano o pecorino o ricotta stagionata) vino bianco. Scaldiamo un filo di olio in padella con spicchio d’aglio peperoncino e le foglioline d’alloro aggiungiamo una dadolata di melanzana e zucchina abbastanza piccola  stufiamo a fiamma vivace sfumiamo con vino bianco e aggiungiamo prima la mela sempre a dadini e poi i pomodorini tagliati in quattro mescoliamo per bene e copriamo. Lasciamo andare cosi per tutto il tempo di cottura della pasta. Scoliamo la calamarata e tuffiamola nella padella dove prima avremo tolto le foglioline di alloro e lo spicchio d’aglio ultimiamo la cottura risottando e  aggiungendo un po’ di origano amalgamiamo e impiat

Followers

Informazioni personali

La mia foto
Dal legno ai fornelli
santa croce di magliano, cb, Italy
Blog di cucina, ricette della tradizione e non solo, piatti veloci, vegetariani, primi piatti di mare e di terra, zuppe legumi, risotti. Salse, finger food, e tutto ciò che riguarda il mondo del food. Potete seguire il blog e commentare i post, chiedere consigli e ricette. Flaviano Iammarino alias dal legno ai fornelli sarà sempre disponibile. Dal legno ai fornelli e anche cuoco a domicilio, affiliato alla piattaforma internet di gnammo. Com per eventi di home food Contatti. flavianoiammarino@gmail.com cell. E watsapp +39 3381864330 Pagina Facebook. Instagram, Twitter, you tube, LinkedIn, dallegnoaifornelli.