Passa ai contenuti principali

Macco di fave rape guanciale e pomodori secchi.

 

Macco di fave rape guanciale e pomodori secchi.

Il macco di fave secche, nient’altro che una vellutata di fave secche, piatto della tradizione povera in uso in tutto il bel paese, una minestra che accompagnata da verdure e pane raffermo spesso era l’unico sostentamento per moltissime famiglie, tanto da definire le fave “la carne dei poveri”.

Fresche in primavera, secche durante tutto l’anno, il consumo di questo legume e consigliato per le sue molteplici proprietà, senza glutine, ricco di vitamine, Sali minerali, unica eccezione fatta per soggetti che presentano il fauvismo, mancanza dell’organismo di un enzima atto a trasformare questo legume e non solo, ma per il resto tutto da gustare, come minestra crema e crudo con formaggio fresco e salame.

Le fave fresche possiamo consumarle crude quando sono tenerissime, oppure in minestra associata a della pasta, mentre quelle secche vanno lasciate in ammollo e poi cucinate proprio come facciamo con i ceci o i fagioli.

Ma passiamo alla ricetta che realizzeremo con questo stupendo legume, quindi di corsa ai fornelli.

 

Ingredienti:

Fave secche, rape, guanciale, pomodori secchi, sale aglio olio evo,peperoncino, limone bio e fiori eduli.

 

Execution:

Iniziamo sciacquando le fave che avevamo lasciato in ammollo per tutta la notte quindi le andiamo a cucinare come facciamo con i fagioli o i ceci, fiamma bassa bassa per tutto il tempo necessario, ci vorrà circa un ora, trascorso il tempo rimescoliamo con una paletta di legno energicamente, quindi togliamo dal fuoco aggiungiamo sale e un po’ di olio evo e frulliamo con il mixer ad immersione fino ad ottenere una crema liscia senza grumi, teniamola in caldo per dopo quando prima di utilizzarla la andremo a scaldare nuovamente fin quasi a raggiungere il bollore.

Passiamo al resto della ricetta iniziando dal guanciale, tagliamolo a fettine sottili, portiamolo in una padella e lasciamolo sudare senza aggiungere nulla fino a farlo divenire ben rosolato e croccante, una volta pronto il guanciale togliamolo dalla padella con l’aiuto di pinze e tuffiamo nel grasso fuso che ha rilasciato la julienne di pomodori secchi che abbiamo lasciato ammorbidire in acqua tiepida, mondiamo e asciughiamo le rape e saltiamole a crudo in padella con aglio olio e peperoncino, appena è tutto pronto iniziamo ad impiattare, piatto fondo e capiente riscaldato, versiamo la crema di fave, adagiamo su un lato un po’ di rape saltate, sempre molto calde e sopra esse delle fettine di guanciale croccante anch’esso bello caldo, la julienne di pomodori secchi e lasciamo cadere su tutto delle goccioline di limone, infine guarniamo anche con un po’ di colore adagiando sulla crema un po’ di fiorellini eduli, io ho utilizzato delle violette selvatiche, serviamo bollente la nostra composizione gustandola magari con qualche crostino di pane casereccio tostato.

Dopo esserci rifocillati lo spirito ed il corpo Flaviano vi saluta affettuosamente dandovi appuntamento come sempre alle prossime ricette, un buon tutto da Flaviano alias dal legno ai fornelli.










 

Commenti

Post popolari in questo blog

Crumble di pane tostato, aromatizzato alla curcuma e alla paprica dolce.

Crumble di pane tostato, aromatizzato alla curcuma e alla paprica dolce. Per dare croccantezza e colore alle nostre ricette, utilizzeremo del crumble di pane tostato aromatizzato alle spezie. Di seguito vi illustrerò come lo realizzo io per impreziosire e dare croccantezza ai mie piatti. Ingredienti: mollica di pane non troppo fresca un paio di giorni va bene, alloro olio evo, aglio, curcuma, paprica dolce. Execution: prendiamo della mollica di pane sgranata, non troppo rafferma, e portiamola in una padella calda, la fiamma dovrà essere bassissima, aggiungiamoci un paio di foglie di alloro e uno spicchio d’aglio sbucciato, iniziamo la tostatura mescolando insieme il composto con l’aiuto di una paletta, dopo qualche minuto aggiungiamo un cucchiaio di olio evo per mezzo kg di mollica e continuiamo a rimescolare il composto, dopo una decina di minuti inizieremo a vedere la nostra mollica che andra asciugando perdendo l’umidità in essa contenuta, sempre mescolando do

Calamarata di terra

Calamarata di terra “Piatti veloci di giugno melanzana zucchina mela e pomodorini “ Ingredienti: per due persone una melanzana piccola,una zucchina, 10 pomodorini e 190gr di pasta. Olio sale 4 foglie di alloro aglio mezza mela golden meglio se un po’ appassita,peperoncino origano Prezzemolo e formaggio grattugiato ( parmigiano o pecorino o ricotta stagionata) vino bianco. Scaldiamo un filo di olio in padella con spicchio d’aglio peperoncino e le foglioline d’alloro aggiungiamo una dadolata di melanzana e zucchina abbastanza piccola  stufiamo a fiamma vivace sfumiamo con vino bianco e aggiungiamo prima la mela sempre a dadini e poi i pomodorini tagliati in quattro mescoliamo per bene e copriamo. Lasciamo andare cosi per tutto il tempo di cottura della pasta. Scoliamo la calamarata e tuffiamola nella padella dove prima avremo tolto le foglioline di alloro e lo spicchio d’aglio ultimiamo la cottura risottando e  aggiungendo un po’ di origano amalgamiamo e impiat

Zanchetta o Pataraccia all’acqua pazza, in forno.

Zanchetta o Pataraccia all’acqua pazza, in forno. La  zanchetta o pataraccia , da noi conosciuta come chianchetta, fa parte dei pesci poveri, spesso sottovalutata per questo, ma a torto perche ricca di proprietà nutrizionali e poverissima di grassi. Nelle sue taglie piccole e utilizzata fritta, ma nelle taglie degli esemplari maturi possono raggiungere anche i venticinque centimetri, le sue carni sapranno sorprenderci piacevolmente con la loro sostanza e delicatezza. Andiamo quindi a prepararla oggi all’acqua pazza, cucinata in forno. Ingredienti: Zanchetta, pescato fresco, aglio olio prezzemolo, rametto di timo, pomodorini,sedano alloro cipolla, peperone verde acqua, vino bianco sale e pepe. Execution: la prima cosa da fare appena tornati dal mercato e pulire il pescato sviscerandolo, tagliando le pinne dorsali e sciacquandolo sotto acqua corrente, io tolgo anche le branchie e tutte le parti scure che troviamo all’interno, che in cottura darebbero un gusto a

Followers

Follow by Email

Informazioni personali

La mia foto
Dal legno ai fornelli
santa croce di magliano, cb, Italy
Blog di cucina, ricette della tradizione e non solo, piatti veloci, vegetariani, primi piatti di mare e di terra, zuppe legumi, risotti. Salse, finger food, e tutto ciò che riguarda il mondo del food. Potete seguire il blog e commentare i post, chiedere consigli e ricette. Flaviano Iammarino alias dal legno ai fornelli sarà sempre disponibile. Dal legno ai fornelli e anche cuoco a domicilio, affiliato alla piattaforma internet di gnammo. Com per eventi di home food Contatti. flavianoiammarino@gmail.com cell. E watsapp +39 3381864330 Pagina Facebook. Instagram, Twitter, you tube, LinkedIn, dallegnoaifornelli.