Passa ai contenuti principali

Cous Cous al brodetto di triglie e sugarello.

 

Cous Cous al brodetto di triglie e sugarello.


Cous cous al brodetto di triglie e sugarello.

 

In un sabato di febbraio ai tempi della pandemia coperti di neve,ed in pieno look down, sperando che passi la nottata, ci divertiremo ai fornelli con la ricetta mediterranea per eccellenza il cous cous.

Ci cimenteremo come dicevo  con un ingrediente insolito per la nostra zona di appartenenza, alimento usuale e bravissimi nel realizzarlo, siciliani e sardi, che certamente non se la prenderanno a male se proveremo a prepararlo anche noi in basso Molise con il pescato dell’adriatico certamente non sfigureremo, ma senza dilungarci oltre, portiamoci ai fornelli ed andiamo ad iniziare.

 

Ingredienti:

pescato fresco di triglie e suro o sugarello, pomodori pelati, brodo vegetale, peperone verde, coriandolo prezzemolo, curry, cardamomo, peperoncino, olio evo, burro, scalogno, alloro, vino bianco, cous cous trattato a vapore.

Execution:

Evisceriamo il pescato e priviamo il suro della pelle coriacea e chiodata nella parte finale in prossimità della coda, terminata l’operazione, sfilettiamo sia il sugarello che le triglie lasciandone un po’  integri per la presentazione del piatto, tenendo il tutto da parte.

Tegame da zuppa sul fuoco con olio evo a scaldare, appena l’olio e caldo al punto giusto aggiungiamo un trito di scalogno e una julienne di peperone verde, stufiamo tre quattro minuti e aggiungiamo un po’ di filetti di triglia e di suro o sugarello, dopo alcuni minuti sfumiamo con vino bianco e lasciamo evaporare la parte alcolica, possiamo aggiungere adesso la passata di pomodoro, utilizziamo dei pelati che avremo frullato con  l’aiuto del mixer ad immersione, lasciamo riprendere il bollore e aggiustiamo di sale, aggiungiamo adesso semi di cardamomo e una generosa macinata di semi di coriandolo, copriamo tutto con abbondante brodo vegetale, abbassiamo la fiamma al minimo copriamo il tegame e lasciamo cuocere per almeno mezz’ora.

Mentre inganniamo l’attesa prepariamoci un bel trito di prezzemolo, e una finissima julienne di peperoncino che ci serviranno per la guarnitura del piatto, portiamoci avanti e prepariamo anche l’acqua per ammorbidire il cous cous, per tre persone duecentocinquanta grammi di cous cous e pari quantità di acqua, a cui andiamo ad aggiungere un cucchiaino di sale  due cucchiaini di curry e un cucchiaino di olio evo.

Trascorsa una buona ed abbondante mezz’ora aggiungiamo al brodetto le triglie e i sugarelli interi, dopo alcuni minuti e la volta di tutti i filetti , torniamo a coprire il tegame e lasciamo cuocere per altri quindici minuti.

Accendiamo il fuoco sotto alla pentola con l’acqua per il cous cous, portiamola a bollore e togliamola dal fuoco, versiamo il cous cous insieme a due noci di burro, copriamo e lasciamo che avvenga la magia senza intervenire in alcun modo, trascorsi circa tre minuti, sgraniamo il cous cous con l’aiuto di una forchetta, in teoria ma credetemi avviene veramente il volume dovrebbe quasi triplicare, a questo punto versiamo il cous cous in un ampio vassoio di coccio  e iniziamo ad inzupparlo con il brodetto ricco di filetti di triglia e sugarello, spolveriamo con il trito di prezzemolo e la julienne di peperoncino ed infine posizioniamoci sopra le triglie ed il suro interi, serviamo così  ed impiattiamo in tavola aggiungendo brodetto e filetti a volontà, piatto ricco e conviviale per un pranzo diverso ed eccezionale, ricco di sapori e di storia.

Siamo giunti anche oggi alla fine della ricetta e Flaviano mentre osserva soddisfatto i commensali soddisfatti vi saluta ed oltre a darvi appuntamento per le nuove ricette in arrivo, coglie l’occasione per invitarvi appena sarà possibile ad uno degli eventi in fase di organizzazione, nel frattempo accontentiamoci di seguire le ricette sul blog www.dallegnoaifornelli.com  e che passi presto la nottata, un saluto e un augurio di buon tutto da Flaviano alias dal legno ai fornelli.















 

Commenti

Post popolari in questo blog

Crumble di pane tostato, aromatizzato alla curcuma e alla paprica dolce.

Crumble di pane tostato, aromatizzato alla curcuma e alla paprica dolce. Per dare croccantezza e colore alle nostre ricette, utilizzeremo del crumble di pane tostato aromatizzato alle spezie. Di seguito vi illustrerò come lo realizzo io per impreziosire e dare croccantezza ai mie piatti. Ingredienti: mollica di pane non troppo fresca un paio di giorni va bene, alloro olio evo, aglio, curcuma, paprica dolce. Execution: prendiamo della mollica di pane sgranata, non troppo rafferma, e portiamola in una padella calda, la fiamma dovrà essere bassissima, aggiungiamoci un paio di foglie di alloro e uno spicchio d’aglio sbucciato, iniziamo la tostatura mescolando insieme il composto con l’aiuto di una paletta, dopo qualche minuto aggiungiamo un cucchiaio di olio evo per mezzo kg di mollica e continuiamo a rimescolare il composto, dopo una decina di minuti inizieremo a vedere la nostra mollica che andra asciugando perdendo l’umidità in essa contenuta, sempre mescolando do

Calamarata di terra

Calamarata di terra “Piatti veloci di giugno melanzana zucchina mela e pomodorini “ Ingredienti: per due persone una melanzana piccola,una zucchina, 10 pomodorini e 190gr di pasta. Olio sale 4 foglie di alloro aglio mezza mela golden meglio se un po’ appassita,peperoncino origano Prezzemolo e formaggio grattugiato ( parmigiano o pecorino o ricotta stagionata) vino bianco. Scaldiamo un filo di olio in padella con spicchio d’aglio peperoncino e le foglioline d’alloro aggiungiamo una dadolata di melanzana e zucchina abbastanza piccola  stufiamo a fiamma vivace sfumiamo con vino bianco e aggiungiamo prima la mela sempre a dadini e poi i pomodorini tagliati in quattro mescoliamo per bene e copriamo. Lasciamo andare cosi per tutto il tempo di cottura della pasta. Scoliamo la calamarata e tuffiamola nella padella dove prima avremo tolto le foglioline di alloro e lo spicchio d’aglio ultimiamo la cottura risottando e  aggiungendo un po’ di origano amalgamiamo e impiat

Zanchetta o Pataraccia all’acqua pazza, in forno.

Zanchetta o Pataraccia all’acqua pazza, in forno. La  zanchetta o pataraccia , da noi conosciuta come chianchetta, fa parte dei pesci poveri, spesso sottovalutata per questo, ma a torto perche ricca di proprietà nutrizionali e poverissima di grassi. Nelle sue taglie piccole e utilizzata fritta, ma nelle taglie degli esemplari maturi possono raggiungere anche i venticinque centimetri, le sue carni sapranno sorprenderci piacevolmente con la loro sostanza e delicatezza. Andiamo quindi a prepararla oggi all’acqua pazza, cucinata in forno. Ingredienti: Zanchetta, pescato fresco, aglio olio prezzemolo, rametto di timo, pomodorini,sedano alloro cipolla, peperone verde acqua, vino bianco sale e pepe. Execution: la prima cosa da fare appena tornati dal mercato e pulire il pescato sviscerandolo, tagliando le pinne dorsali e sciacquandolo sotto acqua corrente, io tolgo anche le branchie e tutte le parti scure che troviamo all’interno, che in cottura darebbero un gusto a

Followers

Follow by Email

Informazioni personali

La mia foto
Dal legno ai fornelli
santa croce di magliano, cb, Italy
Blog di cucina, ricette della tradizione e non solo, piatti veloci, vegetariani, primi piatti di mare e di terra, zuppe legumi, risotti. Salse, finger food, e tutto ciò che riguarda il mondo del food. Potete seguire il blog e commentare i post, chiedere consigli e ricette. Flaviano Iammarino alias dal legno ai fornelli sarà sempre disponibile. Dal legno ai fornelli e anche cuoco a domicilio, affiliato alla piattaforma internet di gnammo. Com per eventi di home food Contatti. flavianoiammarino@gmail.com cell. E watsapp +39 3381864330 Pagina Facebook. Instagram, Twitter, you tube, LinkedIn, dallegnoaifornelli.