Passa ai contenuti principali

Crioli al ragù di castrato.

Crioli al ragù di castrato.

Visto il clima più fresco di questo inizio di settembre, e che in questa domenica, che è ancora di agosto, una pasta fresca con un ragù molto saporito penso ci stia proprio tutto, quindi spostiamoci ai fornelli e prepariamo insieme il pranzo dell’ultima domenica di agosto che  ci catapulterà nell’estate settembrina di questo strano anno.

Crioli, laccetti, tipica pasta fresca comune nella cucina molisana, il suo nome e dovuto alla somiglianza di questa sorta di spaghetti quadri, con i lacci di cuoio che venivano usati come stringhe oppure per grossolane cuciture di gilet e capi di abbigliamento utilizzati dai pastori.
Per la realizzazione di questo formato di pasta si utilizza semola di grano duro, mischiata con farina bianco di tipo 1 e 0, acqua e sale, ma volendo si ci possono aggiungere anche le uova per una maggiore consistenza ed elasticità, personalmente preferisco la versione senza uova con impasto duro e colorato con polvere di curcuma.
Condiremo oggi  questo straordinario formato, con un ragù rustico, vediamo insieme quale.


Ingredienti:

Per la pasta fresca, farina di semola di grano duro, farina bianco di tipo 1 e 0, acqua sale olio e curcuma.
Ragù, carne di castrato, oppure in mancanza carne di agnellone di montagna, sedano carote e cipolla, olio evo, sale, alloro, vino rosso, aglio prezzemolo e basilico, ricotta stagionata e peperoncino fresco.

Execution:

iniziamo preparando l’impasto per i crioli, dopo aver mescolato le tipologie di farina descritte, impastiamo aggiungendo un filo d’olio evo un pizzico di sale ed acqua tiepida.
Dopo aver creato un panetto liscio ed omogeneo, avvolgiamolo con della pellicola per alimenti e riponiamolo a riposare per almeno un ora in frigo.
Iniziamo a preparare il ragù sezionando i pezzi più grossi di carne e sciacquiamoli sotto acqua corrente per togliere eventuali pezzettini di osso dovuti al taglio, asciughiamo tamponando con un canovaccio e teniamo da parte.
Trito classico di sedano carota e cipolla, aggiungiamo un po’ d’olio evo nel tegame e lasciamo stufare il trito per un paio di minuti, aggiungiamo anche la carne e rosoliamo a fiamma vivace fino a sigillare tutti i pezzi della carne girandoli spesso, quando noteremo che la carne e ben rosolata saliamo e aggiungiamo un trito finissimo di aglio, aspettiamo altri due minuti e sfumiamo con mezzo bicchiere di vino rosso, lasciamo evaporare la parte alcolica e aggiungiamo la passata di pomodoro fresco di stagione, mescoliamo con paletta di legno, foglia di alloro copriamo e lasciamo andare per almeno tre ore a fiamma bassissima girando di tanto in tanto.
Rilassiamoci un po’ sorseggiando un buon caffè  oziando in giro per casa e sempre domenica e oggi possiamo farlo.
Torniamo in cucina, il ragù scoppietta che e una meraviglia e noi ci apprestiamo a preparare la pasta.
Ricaviamo dal nostro panetto una sfoglia di almeno tre millimetri,infariniamola con la semola e avvolgiamola, utilizzando un coltello a lama sottile tagliamo il nostro salsicciotto della larghezza pari allo spessore della sfoglia, cercando di essere precisi, dopo aver tagliato sventoliamo in aria con delicatezza e moderazione, vedremo comparire come per magia una montagna di laccetti o crioli, simili a lacci quadri, riponiamoli ben sparpagliati su un vassoio coperto da un canovaccio e teniamoli a riposare in attesa della cottura.
L’ora di pranzo e giunta e quindi dopo aver portato a bollore l’acqua in un grosso pentolone saliamo e caliamo la pasta, pasta fresca uguale pochi minuti di cottura, versiamo in una boulle un po’ del ragù e dopo aver ben scolato i crioli uniamoli in un abbraccio indissolubile con il ragù, aggiungiamone ancora e impiattiamo, guarniamo con altro ragù un imbiancata di ricotta stagionata e per chi piace del peperoncino fresco, immancabile sarà visto il periodo una fogliolina di basilico.
Serviamo fumante e auguriamoci buona domenica.
Quasi dimenticavo la carne nel ragù morbida e tenerissima la gusteremo come secondo piatto accompagnata da una fresca insalatina.
Anche per oggi e tutto e a me non resta che salutarvi con un grande abbraccio virtuale, ricordandovi di seguire il blog per tutte le mie nuove ricette.
Da Flaviano alias dal legno ai fornelli buona domenica e buon tutto.










Commenti

Post popolari in questo blog

Crumble di pane tostato, aromatizzato alla curcuma e alla paprica dolce.

Crumble di pane tostato, aromatizzato alla curcuma e alla paprica dolce. Per dare croccantezza e colore alle nostre ricette, utilizzeremo del crumble di pane tostato aromatizzato alle spezie. Di seguito vi illustrerò come lo realizzo io per impreziosire e dare croccantezza ai mie piatti. Ingredienti: mollica di pane non troppo fresca un paio di giorni va bene, alloro olio evo, aglio, curcuma, paprica dolce. Execution: prendiamo della mollica di pane sgranata, non troppo rafferma, e portiamola in una padella calda, la fiamma dovrà essere bassissima, aggiungiamoci un paio di foglie di alloro e uno spicchio d’aglio sbucciato, iniziamo la tostatura mescolando insieme il composto con l’aiuto di una paletta, dopo qualche minuto aggiungiamo un cucchiaio di olio evo per mezzo kg di mollica e continuiamo a rimescolare il composto, dopo una decina di minuti inizieremo a vedere la nostra mollica che andra asciugando perdendo l’umidità in essa contenuta, sempre mescolando do

Calamarata di terra

Calamarata di terra “Piatti veloci di giugno melanzana zucchina mela e pomodorini “ Ingredienti: per due persone una melanzana piccola,una zucchina, 10 pomodorini e 190gr di pasta. Olio sale 4 foglie di alloro aglio mezza mela golden meglio se un po’ appassita,peperoncino origano Prezzemolo e formaggio grattugiato ( parmigiano o pecorino o ricotta stagionata) vino bianco. Scaldiamo un filo di olio in padella con spicchio d’aglio peperoncino e le foglioline d’alloro aggiungiamo una dadolata di melanzana e zucchina abbastanza piccola  stufiamo a fiamma vivace sfumiamo con vino bianco e aggiungiamo prima la mela sempre a dadini e poi i pomodorini tagliati in quattro mescoliamo per bene e copriamo. Lasciamo andare cosi per tutto il tempo di cottura della pasta. Scoliamo la calamarata e tuffiamola nella padella dove prima avremo tolto le foglioline di alloro e lo spicchio d’aglio ultimiamo la cottura risottando e  aggiungendo un po’ di origano amalgamiamo e impiat

Linguine al granchio reale.

Linguine al granchio reale. Granchio reale o granchio blu, specie aliena predatore vorace delle nostre specie autoctone  del nostro adriatico, arrivati con il riscaldamento del nostro mare. Lui e un alieno e vuole conquistarci, noi per aiutare il nostro mare lo catturiamo, cuciniamo e lo mangiamo  un mio caro  amico si e presentato a casa con un po’ di questi strani esseri che hanno iniziato a passeggiare per casa seminando il panico e con il mio nipotino più piccolo che li inseguiva. Dopo la parte divertente, mi preparo per la ricetta che andremo di seguito a descrivere. Ingredienti: granchio reale, olio aglio, prezzemolo basilico vino bianco pomoorini damerini freschi, peperone verde, linguine di gragnano trafilate a bronzo. Execution: armati di guanti antitaglio portiamo i granchi sotto un getto di acqua corrente strofinando il loro carapace, lasciamoli sgocciolare, adesso a contatto con l’acqua dolce saranno più calmi, scusate la fase cruenta che segue, c

Follow by Email

Informazioni personali

La mia foto
Dal legno ai fornelli
santa croce di magliano, cb, Italy
Blog di cucina, ricette della tradizione e non solo, piatti veloci, vegetariani, primi piatti di mare e di terra, zuppe legumi, risotti. Salse, finger food, e tutto ciò che riguarda il mondo del food. Potete seguire il blog e commentare i post, chiedere consigli e ricette. Flaviano Iammarino alias dal legno ai fornelli sarà sempre disponibile. Dal legno ai fornelli e anche cuoco a domicilio, affiliato alla piattaforma internet di gnammo. Com per eventi di home food Contatti. flavianoiammarino@gmail.com cell. E watsapp +39 3381864330 Pagina Facebook. Instagram, Twitter, you tube, LinkedIn, dallegnoaifornelli.