Passa ai contenuti principali

Paccheri al ragù di polpo.

Paccheri al ragù di polpo.

La ricetta di oggi vede come protagonisti due ingredienti, eccezionali, il polpo e i paccheri.
Primo piatto di mare che sicuramente va nella definizione mediterranea di piatto unico.
Una ricetta questa abbastanza lunga ma così saporita da far dimenticare la fatica per realizzarla.
Sempre sul blog potrete seguire la ricetta in questione nel tutorial video presente appunto sul blog.

Ingredienti:

Polpo, passata di pomodoro, concentrato di pomodoro aglio, olio evo, sedano carota e cipolla, peperoncino vino per sfumare prezzemolo, finocchietto selvatico fresco e naturalmente i paccheri di ragnano trafilati a bronzo.


Execution:

iniziamo subito preparando il polpo, sciacquiamolo bene sotto acqua corrente e soprattutto puliamo bene le ventose che potrebbero contenere sabbia, tagliamo tutti i tentacoli ed il corpo del polpo a pezzetti, io lascio un po’ di tentacoli un po’ più funghetti così da ritrovarli nel piatto, anche per guarnire, in un tegame di ferro oppure in ghisa o di coccio lasciamo scaldare dell’olio evo con un paio di spicchi d’aglio che poi toglieremo, quando ben caldo versiamo nel tegame i pezzetti di polpoe lasciamoli stufare, vedrete che tireranno fuori un bel po’ di acqua, lasciamo bene che evapori tutta e nel frattempo prepariamo un trito di sedano carote e cipolla.
Aggiungiamo un po’ di sale nel tegame dove rosola il polpo, quando tutta la sua acqua sarà evaporata continuiamo a stufarlo cosi ancora per un po’ e vedrete che si creerà una salsina densa che si attaccherà al tegame mi raccomando però di non far bruciare il tutto, adesso possiamo sfumare con il vino bianco oppure rosso non farà differenza, il vino pulirà tutto il tegame ed appena evaporata la parte alcolica aggiungiamo il trito di verdure, mescoliamo un po’ e lasciamo ancora stufare per una decina di minuti, a questo punto aggiungiamo un po’ di passata di pomodoro fresco e un cucchiaio di concentrato di pomodoro, un mezzo mestolo di brodo vegetale e lasciamo andare per almeno un ora e mazza a fiamma molto bassa, giriamo di tanto in tanto e se solamente troppo asciutto possiamo diluire un po’ con del brodo vegetale.
Il risultato finale dovrà essere un sugo ristretto e denso.
Sono trascorse quasi un paio d’ore dall’inizio della ricetta ed è arrivato di calare i paccheri in acqua bollente e giusta di sale, ( piccolo consiglio quando cuciniamo i formati di pasta secca di grosse dimensioni l’acqua non dovrà bollire violentemente ma sobbollire, tuffiamo la pasta e dopo due tre minuti possiamo anche alzare un po’ la fiamma, questo piccolo accorgimento farà si che la pasta non si spacchi in cottura).
Scoliamo i paccheri, vi ricordo sempre di scolare la pasta che deve fare ancora un passaggio in padella per mantecare e insaporire di tirarla fuori dall’acqua indietro di cottura di almeno due tre minuti.
I paccheri sono finiti nel tegame con il condimento e li lasciamo insaporire per bene girandoli delicatamente, appena pronti impiattiamo, guarniamo con un trito di prezzemolo  un rametto di finocchietto selvatico fresco e un po’ dei tentacoli lasciati più lunghi, serviamo ben caldo e buon pranzo.
Questa ricetta e un concentrato di sapori indescrivibile provatela e raccontatemi il risultato, come!! Molto semplice iscrivetevi al mio blog  e avrete la possibilità di lasciare i vostri commenti a cui risponderò puntualmente, iscrivere e facilissimo, utilizzando la vostra mail seguite le indicazioni per la registrazione presenti sul blog
A me non resta che augurarvi buon pranzo e l’appuntamento per tutte le prossime ricette, ciao da Flaviano.










Commenti

Post popolari in questo blog

Crumble di pane tostato, aromatizzato alla curcuma e alla paprica dolce.

Crumble di pane tostato, aromatizzato alla curcuma e alla paprica dolce. Per dare croccantezza e colore alle nostre ricette, utilizzeremo del crumble di pane tostato aromatizzato alle spezie. Di seguito vi illustrerò come lo realizzo io per impreziosire e dare croccantezza ai mie piatti. Ingredienti: mollica di pane non troppo fresca un paio di giorni va bene, alloro olio evo, aglio, curcuma, paprica dolce. Execution: prendiamo della mollica di pane sgranata, non troppo rafferma, e portiamola in una padella calda, la fiamma dovrà essere bassissima, aggiungiamoci un paio di foglie di alloro e uno spicchio d’aglio sbucciato, iniziamo la tostatura mescolando insieme il composto con l’aiuto di una paletta, dopo qualche minuto aggiungiamo un cucchiaio di olio evo per mezzo kg di mollica e continuiamo a rimescolare il composto, dopo una decina di minuti inizieremo a vedere la nostra mollica che andra asciugando perdendo l’umidità in essa contenuta, sempre mescolando do

Zanchetta o Pataraccia all’acqua pazza, in forno.

Zanchetta o Pataraccia all’acqua pazza, in forno. La  zanchetta o pataraccia , da noi conosciuta come chianchetta, fa parte dei pesci poveri, spesso sottovalutata per questo, ma a torto perche ricca di proprietà nutrizionali e poverissima di grassi. Nelle sue taglie piccole e utilizzata fritta, ma nelle taglie degli esemplari maturi possono raggiungere anche i venticinque centimetri, le sue carni sapranno sorprenderci piacevolmente con la loro sostanza e delicatezza. Andiamo quindi a prepararla oggi all’acqua pazza, cucinata in forno. Ingredienti: Zanchetta, pescato fresco, aglio olio prezzemolo, rametto di timo, pomodorini,sedano alloro cipolla, peperone verde acqua, vino bianco sale e pepe. Execution: la prima cosa da fare appena tornati dal mercato e pulire il pescato sviscerandolo, tagliando le pinne dorsali e sciacquandolo sotto acqua corrente, io tolgo anche le branchie e tutte le parti scure che troviamo all’interno, che in cottura darebbero un gusto a

Calamarata di terra

Calamarata di terra “Piatti veloci di giugno melanzana zucchina mela e pomodorini “ Ingredienti: per due persone una melanzana piccola,una zucchina, 10 pomodorini e 190gr di pasta. Olio sale 4 foglie di alloro aglio mezza mela golden meglio se un po’ appassita,peperoncino origano Prezzemolo e formaggio grattugiato ( parmigiano o pecorino o ricotta stagionata) vino bianco. Scaldiamo un filo di olio in padella con spicchio d’aglio peperoncino e le foglioline d’alloro aggiungiamo una dadolata di melanzana e zucchina abbastanza piccola  stufiamo a fiamma vivace sfumiamo con vino bianco e aggiungiamo prima la mela sempre a dadini e poi i pomodorini tagliati in quattro mescoliamo per bene e copriamo. Lasciamo andare cosi per tutto il tempo di cottura della pasta. Scoliamo la calamarata e tuffiamola nella padella dove prima avremo tolto le foglioline di alloro e lo spicchio d’aglio ultimiamo la cottura risottando e  aggiungendo un po’ di origano amalgamiamo e impiat

Followers

Informazioni personali

La mia foto
Dal legno ai fornelli
santa croce di magliano, cb, Italy
Blog di cucina, ricette della tradizione e non solo, piatti veloci, vegetariani, primi piatti di mare e di terra, zuppe legumi, risotti. Salse, finger food, e tutto ciò che riguarda il mondo del food. Potete seguire il blog e commentare i post, chiedere consigli e ricette. Flaviano Iammarino alias dal legno ai fornelli sarà sempre disponibile. Dal legno ai fornelli e anche cuoco a domicilio, affiliato alla piattaforma internet di gnammo. Com per eventi di home food Contatti. flavianoiammarino@gmail.com cell. E watsapp +39 3381864330 Pagina Facebook. Instagram, Twitter, you tube, LinkedIn, dallegnoaifornelli.