Passa ai contenuti principali

Cappellacci dei briganti con ragù vegetariano, se non fosse per quel po’ ti stracchino!!


Cappellacci dei briganti con ragù vegetariano, se non fosse per quel po’ ti stracchino!!


Prima domenica d’agosto 2020, pasta fresca autoctona del mio Molise, i cappellacci dei briganti.
La sola cosa certa di questo formato di pasta e la sua collocazione geografica, il Molise
Avvolti in un alone di mistero, le origini di questo formato di pasta restano solo nei pochi ricordi orali tramandati nelle famiglie da quasi due secoli.
Dispute culinarie fra nobili famiglie, ricordi di bambini terrorizzati alla vista di briganti a cavallo con strani copricapo, ed infine soldati piemontesi che non riuscendo a catturare tutti i briganti nei boschi molisani crearono un formato di pasta simile ai loro copricapo.
Comunque la vogliate raccontare i cappellacci sono molisani e dei suoi briganti.
Solitamente un piatto che veniva condito con ragù di carne oppure funghi, oggi noi lo proveremo in una versione quasi vegetariana ma sempre saporito e ricco di ingredienti della stagionalità.

Ingredienti:

farina di grano tenero bio tipo 0, semola di grano duro macinata a pietra, olio sale peperoncino, melanzane, peperoni verdi friggiteli, pomodorini confit, panna da cucina, stracchino semiduro, ricotta stagionata  basilico e fiore di menta.

Execution:

prima operazione, ma naturalmente la pasta, dopo aver mescolato le farine di cui sopra impastiamo con acqua tiepida un filo d’olio evo e un pizzico di sale, creiamo un bel panetto liscio e segoso e lasciamolo riposare in frigo avvolto in una pellicola.
Mentre l’impasto riposa in modo che si attivi il glutine noi prepariamo il nostro ragù vegetariano, mondiamo le melanzane e i peperoni friggiteli, le melanzane le tagliamo a tocchettini, con tutta la loro buccia, i friggiteli invece li taglieremo a rondelline, privandoli di tutti i loro semini,
padella sul fuoco con olio evo e spicchi di aglio nuovo, lasciamo dorare l’aglio e tuffiamo in padella le verdure lasciandole stufare, appena  ben rosolate togliamo la padella dal fuoco e teniamo da parte.
L’impasto a riposato abbastanza e quindi procediamo   a realizzare una sfoglia di un paio di millimetri di spessore, da cui ricaveremo dei dischetti di 4 – 5 cm di diametro, avvolgiamo ogni dischetto di pasta sul dito indice, bagniamo il bordo e creiamo un cono che risvolteremo all’insù nella sua base. Per maggiori delucidazioni sul blog www.dallegnoaifornelli  e presente un video tutorial su come realizzare questo formato di pasta fresca straordinario.
Pasta  pronta che lasciamo asciugare su di un vassoio, quindi possiamo procedere alla preparazione del condimento, riportiamo sul fuoco la padella con le melanzane e i friggiteli gia stufati, lasciamo scaldare e se il tutto dovesse risultare troppo denso aggiungiamo un goccio di acqua, assaggiamo e aggiustiamo di sale.
Portiamo anche a bollore l’acqua per lessare la pasta e teniamola pronta, aggiungiamo in padella un po’ di pomodorini confit e della panna da cucina, tagliamo a dadini dello stracchino stagionato e aggiungiamolo in padella che sarà sempre sul fuoco ma a fiamma flebile molto bassa.
L’acqua per la pasta bolle e quindi la saliamo e caliamo i cappellacci, pochi minuti basteranno per la loro cottura, preleviamoli dalla pentola con l’aiuto di un ragno e versiamoli nella padella con il condimento, lasciamo insaporirli girandoli delicatamente e quando saranno ben impregnati del nostro ragù impiattiamo, guarniamo infine con foglia di basilico e un imbiancata di ricotta stagionata, a completare un rametto con i fiori di menta che rilasceranno il loro delizioso aroma.
Flaviano vi saluta augurandovi buon pranzo e buona domenica rimandandovi alla prossima ricetta.

PS, con questa di oggi sono presenti nel blog ben 501 ricette.









Commenti

Post popolari in questo blog

Crumble di pane tostato, aromatizzato alla curcuma e alla paprica dolce.

Crumble di pane tostato, aromatizzato alla curcuma e alla paprica dolce. Per dare croccantezza e colore alle nostre ricette, utilizzeremo del crumble di pane tostato aromatizzato alle spezie. Di seguito vi illustrerò come lo realizzo io per impreziosire e dare croccantezza ai mie piatti. Ingredienti: mollica di pane non troppo fresca un paio di giorni va bene, alloro olio evo, aglio, curcuma, paprica dolce. Execution: prendiamo della mollica di pane sgranata, non troppo rafferma, e portiamola in una padella calda, la fiamma dovrà essere bassissima, aggiungiamoci un paio di foglie di alloro e uno spicchio d’aglio sbucciato, iniziamo la tostatura mescolando insieme il composto con l’aiuto di una paletta, dopo qualche minuto aggiungiamo un cucchiaio di olio evo per mezzo kg di mollica e continuiamo a rimescolare il composto, dopo una decina di minuti inizieremo a vedere la nostra mollica che andra asciugando perdendo l’umidità in essa contenuta, sempre mescolando do

Calamarata di terra

Calamarata di terra “Piatti veloci di giugno melanzana zucchina mela e pomodorini “ Ingredienti: per due persone una melanzana piccola,una zucchina, 10 pomodorini e 190gr di pasta. Olio sale 4 foglie di alloro aglio mezza mela golden meglio se un po’ appassita,peperoncino origano Prezzemolo e formaggio grattugiato ( parmigiano o pecorino o ricotta stagionata) vino bianco. Scaldiamo un filo di olio in padella con spicchio d’aglio peperoncino e le foglioline d’alloro aggiungiamo una dadolata di melanzana e zucchina abbastanza piccola  stufiamo a fiamma vivace sfumiamo con vino bianco e aggiungiamo prima la mela sempre a dadini e poi i pomodorini tagliati in quattro mescoliamo per bene e copriamo. Lasciamo andare cosi per tutto il tempo di cottura della pasta. Scoliamo la calamarata e tuffiamola nella padella dove prima avremo tolto le foglioline di alloro e lo spicchio d’aglio ultimiamo la cottura risottando e  aggiungendo un po’ di origano amalgamiamo e impiat

Linguine al granchio reale.

Linguine al granchio reale. Granchio reale o granchio blu, specie aliena predatore vorace delle nostre specie autoctone  del nostro adriatico, arrivati con il riscaldamento del nostro mare. Lui e un alieno e vuole conquistarci, noi per aiutare il nostro mare lo catturiamo, cuciniamo e lo mangiamo  un mio caro  amico si e presentato a casa con un po’ di questi strani esseri che hanno iniziato a passeggiare per casa seminando il panico e con il mio nipotino più piccolo che li inseguiva. Dopo la parte divertente, mi preparo per la ricetta che andremo di seguito a descrivere. Ingredienti: granchio reale, olio aglio, prezzemolo basilico vino bianco pomoorini damerini freschi, peperone verde, linguine di gragnano trafilate a bronzo. Execution: armati di guanti antitaglio portiamo i granchi sotto un getto di acqua corrente strofinando il loro carapace, lasciamoli sgocciolare, adesso a contatto con l’acqua dolce saranno più calmi, scusate la fase cruenta che segue, c

Follow by Email

Informazioni personali

La mia foto
Dal legno ai fornelli
santa croce di magliano, cb, Italy
Blog di cucina, ricette della tradizione e non solo, piatti veloci, vegetariani, primi piatti di mare e di terra, zuppe legumi, risotti. Salse, finger food, e tutto ciò che riguarda il mondo del food. Potete seguire il blog e commentare i post, chiedere consigli e ricette. Flaviano Iammarino alias dal legno ai fornelli sarà sempre disponibile. Dal legno ai fornelli e anche cuoco a domicilio, affiliato alla piattaforma internet di gnammo. Com per eventi di home food Contatti. flavianoiammarino@gmail.com cell. E watsapp +39 3381864330 Pagina Facebook. Instagram, Twitter, you tube, LinkedIn, dallegnoaifornelli.