Passa ai contenuti principali

Paccheri e anguilla.

Paccheri e anguilla.

Ma se una rondine non fa primavera, allora neanche un anguilla fa Natale.

Si lo so che siamo quasi a luglio, ma le anguille non vanno mica in vacanza.
Avendo a disposizione una bella anguilla e dei paccheri artigianali, di semola senatore cappelli,trafilati a bronzo ed essiccati lentamente a bassa temperatura, come non provare un primo dal sapore forte e intenso della carne di anguilla, mitigato con un gioco di spezie che daranno freschezza!!!! Ma non dilunghiamoci troppo spostiamoci ai fornelli per realizzare questo primo piatto ricco di ingredienti e ne sono certo sorprenderà anche coloro a cui la carne di anguilla piace poco.

Ingredienti:

anguilla ventre giallo di Lesina, paccheri artigianali di semola senatore cappelli, olio, sale, aglio fresco, vino bianco, prezzemolo, finocchietto fresco, granella di pistacchi, buccia di mandarino essiccata, basilico, olive nere conciate, foglie di alloro, pomodorini, formaggio grattugiato e fiori eduli.

Execution:

e certo che ci sono un pò di ingredienti da mettere insieme per realizzare la nostra ricetta, ma andiamo con calma e iniziamo subito pulendo l’anguilla con sale grosso per togliere la pellicola viscida che la ricopre.
Tagliamola a pezzi di circa 5- 6 cm escludendo la testa e la coda, padella sul fuoco con olio evo aglio e foglie di alloro, lasciamo scaldare bene e posizioniamo sulle foglie di alloro i tranci di anguilla, lasciamo rosolare per bene e aggiungiamo le olive nere conciate private del nocciolo.
Appena ben rosolata l’anguilla sfumiamo con abbondante vino bianco che lasciamo evaporare, cuciniamo per altri 7-8 minuti e togliamo dal fuoco.
Mentre aspettiamo che l’anguilla si intiepidisca passiamo alla cottura dei pomodorini che ci siamo premurati di privarli della loro pellicina, padella sul fornello con olio evo aglio e un pizzico di sale grosso, lasciamo dorare l’aglio e tuffiamo ci dentro i pomodorini con un po’ di vino bianco, laciamo evaporare la parte alcolica e continuiamo la cottura per circa dieci minuti.
Nel frattempo priviamo i tranci di anguilla della  pelle e della lisca centrale, ricavandone solo i filetti, che riporteremo nella padella dove si sono soffritti e che avremo provveduto a privare delle foglie di alloro e dell’aglio dorato e quasi bruciacchiato che darà una nota di affumicato che nel contesto non guasterà.
Riportando su fornello dolce e aggiungendo anche parte dei pomodorini e un po’ d’acqua copriamo lasciando cuocere per almeno 15 venti minuti.
Portiamo sul fuoco anche la pentola per lessare la pasta e mentre aspettiamo che raggiunga il bollore prepariamo tutte le spezie da aggiungere al piatto, granella di pistacchi, trito fine di finocchietto, trito di prezzemolo e trito di buccia di mandarino essiccata.
La parte dei pomodorini rimasta la frulleremo aggiungendo foglie di basilico e ne otterremo una sorta di maionese che ci servirà come base calda nel piatto.

Caliamo i nostri paccheri in abbondante acqua bollente e aggiustata di sale portandoli a cottura.
Appena pronti molto al dente trasferiamoli nella padella con il condimento lasciando che si insaporiscano, aggiungiamo un abbondante spolverata di prezzemolo e amalgamiamo.
Siamo pronti per l’impiattamento, versiamo nel piatto di portata un mestolo di maionese di pomodoro e posizioniamoci sopra un po’ di paccheri e qualche tocchetto di anguilla, spolveriamo con il trito di buccia di mandarino, il trito di finocchietto fresco e la granella di pistacchi, guarniamo con un rametto di finocchietto e fiori eduli, aggiungendo in ultimo un profumo di formaggio grattugiato, un filo d’olio evo a crudo per lucidare e serviamo il nostro piatto ricco di profumi e ben caldo.
Augurandoci che sia una buona domenica Flaviano alias dal legno ai fornelli vi saluta dandovi appuntamento alla prossima ricetta.
P.S.
Mi raccomando provatela e fatemi sapere cosa ne pensate.
















Commenti

Posta un commento

ciao da Dal legno ai fornelli

Post popolari in questo blog

Crumble di pane tostato, aromatizzato alla curcuma e alla paprica dolce.

Crumble di pane tostato, aromatizzato alla curcuma e alla paprica dolce. Per dare croccantezza e colore alle nostre ricette, utilizzeremo del crumble di pane tostato aromatizzato alle spezie. Di seguito vi illustrerò come lo realizzo io per impreziosire e dare croccantezza ai mie piatti. Ingredienti: mollica di pane non troppo fresca un paio di giorni va bene, alloro olio evo, aglio, curcuma, paprica dolce. Execution: prendiamo della mollica di pane sgranata, non troppo rafferma, e portiamola in una padella calda, la fiamma dovrà essere bassissima, aggiungiamoci un paio di foglie di alloro e uno spicchio d’aglio sbucciato, iniziamo la tostatura mescolando insieme il composto con l’aiuto di una paletta, dopo qualche minuto aggiungiamo un cucchiaio di olio evo per mezzo kg di mollica e continuiamo a rimescolare il composto, dopo una decina di minuti inizieremo a vedere la nostra mollica che andra asciugando perdendo l’umidità in essa contenuta, sempre mescolando do

Calamarata di terra

Calamarata di terra “Piatti veloci di giugno melanzana zucchina mela e pomodorini “ Ingredienti: per due persone una melanzana piccola,una zucchina, 10 pomodorini e 190gr di pasta. Olio sale 4 foglie di alloro aglio mezza mela golden meglio se un po’ appassita,peperoncino origano Prezzemolo e formaggio grattugiato ( parmigiano o pecorino o ricotta stagionata) vino bianco. Scaldiamo un filo di olio in padella con spicchio d’aglio peperoncino e le foglioline d’alloro aggiungiamo una dadolata di melanzana e zucchina abbastanza piccola  stufiamo a fiamma vivace sfumiamo con vino bianco e aggiungiamo prima la mela sempre a dadini e poi i pomodorini tagliati in quattro mescoliamo per bene e copriamo. Lasciamo andare cosi per tutto il tempo di cottura della pasta. Scoliamo la calamarata e tuffiamola nella padella dove prima avremo tolto le foglioline di alloro e lo spicchio d’aglio ultimiamo la cottura risottando e  aggiungendo un po’ di origano amalgamiamo e impiat

Linguine al granchio reale.

Linguine al granchio reale. Granchio reale o granchio blu, specie aliena predatore vorace delle nostre specie autoctone  del nostro adriatico, arrivati con il riscaldamento del nostro mare. Lui e un alieno e vuole conquistarci, noi per aiutare il nostro mare lo catturiamo, cuciniamo e lo mangiamo  un mio caro  amico si e presentato a casa con un po’ di questi strani esseri che hanno iniziato a passeggiare per casa seminando il panico e con il mio nipotino più piccolo che li inseguiva. Dopo la parte divertente, mi preparo per la ricetta che andremo di seguito a descrivere. Ingredienti: granchio reale, olio aglio, prezzemolo basilico vino bianco pomoorini damerini freschi, peperone verde, linguine di gragnano trafilate a bronzo. Execution: armati di guanti antitaglio portiamo i granchi sotto un getto di acqua corrente strofinando il loro carapace, lasciamoli sgocciolare, adesso a contatto con l’acqua dolce saranno più calmi, scusate la fase cruenta che segue, c

Follow by Email

Informazioni personali

La mia foto
Dal legno ai fornelli
santa croce di magliano, cb, Italy
Blog di cucina, ricette della tradizione e non solo, piatti veloci, vegetariani, primi piatti di mare e di terra, zuppe legumi, risotti. Salse, finger food, e tutto ciò che riguarda il mondo del food. Potete seguire il blog e commentare i post, chiedere consigli e ricette. Flaviano Iammarino alias dal legno ai fornelli sarà sempre disponibile. Dal legno ai fornelli e anche cuoco a domicilio, affiliato alla piattaforma internet di gnammo. Com per eventi di home food Contatti. flavianoiammarino@gmail.com cell. E watsapp +39 3381864330 Pagina Facebook. Instagram, Twitter, you tube, LinkedIn, dallegnoaifornelli.