Passa ai contenuti principali

Culurgiones (ravioli sardi) ricetta con video tutorial per la chiusura a spiga

Culurgiones (ravioli sardi ) ricetta con vide tutorial per la chiusura a spiga

Culurgiones tutti ne abbiamo visto e sentito parlare, sappiamo anche della difficoltà nel realizzarli e credetemi ci vuole tanta tanta pratica e costanza, i miei primi tentativi sono stati a dir poco osceni, come vedrete dalle foto del piatto, ma con un po’ d’impegno e ostinazione sono quasi riuscito nel breve video tutorial che troverete nella ricetta, dicevo sono quasi riuscito a realizzarli quantomeno presentabili.
Passiamo quindi alla ricetta e vi ricordo che un buon risultato sarà solo il frutto dell’impegno e della costanza, provare provare e provare.

Ingredienti:
per l’impasto, farina di semola di grano duro, acqua e un pizzico di sale.
Per il ripieno, patate a pasta gialla e patate rosse, pecorino, sale prezzemolo e noce moscata.
Per la mia prima volta ho condito i miei culurgiones con un pomodoro alla matricina, cosi sono riuscito a nascondere la loro forma non perfetta, quindi per il condimento, guanciale pomodorini, cipolla e peperoncino.
Video tutorial


Execution:

prima operazione dopo averle sciacquate lessiamo le patate con tutta la buccia, sia le rosse che quelle a pasta gialla.
Nel frattempo impastiamo la farina con acqua e un pizzico di sale realizziamo un panetto abbastanza duro quindi metteremo tre parti di farina e una di acqua, avvolgiamo il panetto con della pellicola e lasciamolo riposare per circa un ora.
Appena cotte le patate, scoliamole e lasciamole raffreddare qualche minuto, quindi peliamole e passiamole al passaverdura, uniamo un trito finissimo di prezzemolo un po’ di noce moscata e abbondante pecorino, impastiamo bene aggiustando anche di sale se necessario copriamo e lasciamo riposare in frigo.
Per continuare prepariamo il condimento deciso per il piatto quindi un classico ragù di pomodoro alla matricina,
in una padella lasciamo stufare le fettine di guanciale senza aggiungere grassi, fino a farlo divenire croccante, quindi togliamo il guanciale dalla padella e teniamolo da parte, versiamo nella padella che conterrà tutto il grasso fuoriuscito dalla cottura del guanciale, dicevo versiamo un trito di cipolla e lasciamo dorare un paio di minuti senza farla bruciacchiare, aggiungiamo anche un po’ di peperoncino non particolarmente piccante e versiamo i pomodori, copriamo e lasciamo cucinare per almeno una buona mezz’ora a fiamma bassa.
Rilassiamoci qualche minuto magari bevendo un caffé e torniamo all’impasto, realizziamo dal nostro panetto che avevamo preparato in precedenza una sfoglia media quindi non troppo sottile ne troppo spessa, con l’aiuto di un coppa pasta da 6 cm di diametro i nostri dischetti.
Posizioniamo al centro di ogni dischetto una polpetta di ripieno bella abbondante, l’eccesso di ripieno fuoriuscirà durante la chiusura e verrà recuperato, non dobbiamo neanche bagnare la sfoglia per chiuderla, per questo ci penserà ‘umidità del ripieno ma soprattutto la tecnica di chiusura.
Posizioniamo il dischetto di pasta con il ripieno tra l’indice il pollice della mano, mentre con l’altra iniziamo a chiudere il raviolo pizzicando i lembi del dischetto una volta da sinistra verso destra e viceversa, questo metodo di chiusura presserà da solo il ripieno contenuto facendone fuoriuscire l’eccesso e ci darà il classico effetto spiga, chiudiamo bene l’estremità finale a punta e continuiamo.
Si lo so e più facile a dirsi che a farsi ma mi raccomando non arrendetevi, l’ideale sarebbe provarli insieme a qualcuno che sappia farli così da condividere il sapere con tutti.
Terminati i ravioli posizioniamoli su un vassoio coperto da un canovaccio e lasciamoli aspettare che il ragù sia pronto.
Il pomodoro e cotto, quindi riportiamo in padella anche il guanciale croccante che si rammorbidirà nel pomodoro.
Portiamo a bollore anche abbondante acqua, aggiustiamola di sale e caliamo i culurgiones, dovranno sobbollire delicatamente per tre quattro minuti non di più altrimenti si svuoteranno, preleviamoli con l’aiuto di un ragno e versiamoli nel pomodoro per lasciarli insaporire, impiattiamo spolverando con altro pecorino e una fogliolina di basilico e serviamo.
Vi ricordo di seguire il video tutorial con la speranza che vi sia di aiuto per la realizzazione dei ravioli sardi.
E ancora quando avrete affinato la capacità di realizzarli li servirete passandoli per un minuto in burro fuso e salvia, così da metterli in bella mostra e non mascherandoli coperti di pomodoro.

Un abbraccio virtuale dal vostro Flaviano e alla prossima ricetta.









Commenti

Post popolari in questo blog

Calamarata di terra

Calamarata di terra
“Piatti veloci di giugno melanzana zucchina mela e pomodorini “
Ingredienti:
per due persone una melanzana piccola,una zucchina, 10 pomodorini e 190gr di pasta. Olio sale 4 foglie di alloro aglio mezza mela golden meglio se un po’ appassita,peperoncino origano Prezzemolo e formaggio grattugiato ( parmigiano o pecorino o ricotta stagionata) vino bianco.

Scaldiamo un filo di olio in padella con spicchio d’aglio peperoncino e le foglioline d’alloro aggiungiamo una dadolata di melanzana e zucchina abbastanza piccola  stufiamo a fiamma vivace sfumiamo con vino bianco e aggiungiamo prima la mela sempre a dadini e poi i pomodorini tagliati in quattro mescoliamo per bene e copriamo. Lasciamo andare cosi per tutto il tempo di cottura della pasta. Scoliamo la calamarata e tuffiamola nella padella dove prima avremo tolto le foglioline di alloro e lo spicchio d’aglio ultimiamo la cottura risottando e  aggiungendo un po’ di origano amalgamiamo e impiattiamo. Guarniamo con una …

Paccheri croccanti al forno

Paccheri croccanti al forno con ricotta melanzane e pomodorini conferit

Ingredienti per 4 persone Paccheri di gragnano 28 ½ chilo di ricotta fresca Due melanzane medie Un chilo di pomodorini datterini Olio evo qb Sale pepe Provola fresca oppure burrata Foglioline di menta,basilico e prezzemolo buccia di limone grattugiato.
Iniziamo lavando e asciugando i pomodorini Disporli su una teglia da forno tagliati a metà Aggiungendo un filo d’olio sale zucchero origano Inforniamo per un’ora e mezza a centoventi gradi. Tagliamo le due melanzane a dadini compresa la buccia i (dadini devono essere meno di un centimetro di lato) Friggiamoli in poco olio saliamo e lasciamoli raffreddare su carta assorbente Nel frattempo cuciniamo i nostri paccheri mi raccomando di non contarli prima perchè sicuramente qualcuno si aprira durante la cottura. In una ciotola capiente schiacciamo la ricotta un pizzico di sale pepe una lacrima di olio una fogliolina di menta E due cucchiai di latte aggiungiamo le melanzane…

Razza all’acqua pazza

Razza all’acqua pazza
La mia versione della famosissima ricetta campana
Ingredienti:
sedano cipolla alloro gambi di prezzemolo sale pochi pomodorini tagliati solo a metà, olio evo vino bianco peperoncino fresco e possiamo variare con odori e spezie che più ci piacciono esempio cumino pepe cardamomo timo origano rosmarino a secondo del sapore del pescato che andiamo ad utilizzare.
L’acqua pazza ricetta semplicissima per ottenere una cottura veloce e saporita senza stravolgere i sapori del pescato che andremo ad utilizzare,infatti questa cottura si presta per moltissimi tipi di pesce generalmente si predilige il pescato deliscato per dare sapore al brodo oppure il carapace dei crostacei con le teste, per una bisque saporita e delicata le code e i filetti infatti vengono cotti pochi minuti prima di servirli. Tutta la cottura generalmente va dai 20 ai 30 minuti molto dipende sempre dalle dimensioni delle parti che dobbiamo cucinare.
Per la razza, in un tegame a bordi bassi rosoliamo del …

Follow by Email

Informazioni personali

La mia foto
Dal legno ai fornelli
santa croce di magliano, cb, Italy