Passa ai contenuti principali

Linguine con moscardini al concentrato di pomodoro e zeste di limone e prezzemolo.

Linguine con moscardini al concentrato di pomodoro e zeste di limone e prezzemolo.

La ricetta di oggi ci vede alle prese con dei piccoli polipetti, o moscardini, che accompagneranno un piatto di linguine.
Sapori forti, che riportano il ricordo intenso del mare, l’odore forte dell’acqua di mare, in prossimità degli scogli.

Ingredienti:

moscardini, almeno 4 per persona, taglia medio grande, aglio, olio peperoncino, passata e concentrato di pomodoro, limone,prezzemolo, vino rosso, carota sedano e cipolla.

Execution:

Puliamo per bene i moscardini, togliendo anche il becco, cerchiamo di lasciarli interi.
Scaldiamo una casseruola con un filo d’olio e due tre spicchi d’aglio a cui avremo tolto l’anima, la parte centrale che la rende particolarmente indigesta.
Trasferiamo i moscardini nella casseruola e lasciamoli stufare a fiamma vivace con la loro stessa acqua, quando risulteranno asciutti e ben rosolati li sfumiamo con del vino rosso, di quello buono
Lasciamo evaporare e incorporiamo il trito di sedano carota peperoncino e cipolla, lasciamo insaporire ancora e aggiungiamo della passata e del concentrato di pomodoro mescoliamo, copriamo e lasciamo cucinare per 50 minuti a fiamma bassa.
Il risultato finale dovrà avere la consistenza di una crema densa.
Lessiamo le linguine e quando saranno al dente scoliamole direttamente nella casseruola con il condimento.
 Risottiamo insieme qualche minuto aiutandoci con un po’ d’acqua di cottura della pasta
Impiattiamo guarnendo con i moscardini interi il trito di prezzemolo e lo zeste di limone, serviamo e buon pranzo.

Saluti vostro Flaviano by dal legno ai fornelli. 









Commenti

Post popolari in questo blog

Calamarata di terra

Calamarata di terra
“Piatti veloci di giugno melanzana zucchina mela e pomodorini “
Ingredienti:
per due persone una melanzana piccola,una zucchina, 10 pomodorini e 190gr di pasta. Olio sale 4 foglie di alloro aglio mezza mela golden meglio se un po’ appassita,peperoncino origano Prezzemolo e formaggio grattugiato ( parmigiano o pecorino o ricotta stagionata) vino bianco.

Scaldiamo un filo di olio in padella con spicchio d’aglio peperoncino e le foglioline d’alloro aggiungiamo una dadolata di melanzana e zucchina abbastanza piccola  stufiamo a fiamma vivace sfumiamo con vino bianco e aggiungiamo prima la mela sempre a dadini e poi i pomodorini tagliati in quattro mescoliamo per bene e copriamo. Lasciamo andare cosi per tutto il tempo di cottura della pasta. Scoliamo la calamarata e tuffiamola nella padella dove prima avremo tolto le foglioline di alloro e lo spicchio d’aglio ultimiamo la cottura risottando e  aggiungendo un po’ di origano amalgamiamo e impiattiamo. Guarniamo con una …

Razza all’acqua pazza

Razza all’acqua pazza
La mia versione della famosissima ricetta campana
Ingredienti:
sedano cipolla alloro gambi di prezzemolo sale pochi pomodorini tagliati solo a metà, olio evo vino bianco peperoncino fresco e possiamo variare con odori e spezie che più ci piacciono esempio cumino pepe cardamomo timo origano rosmarino a secondo del sapore del pescato che andiamo ad utilizzare.
L’acqua pazza ricetta semplicissima per ottenere una cottura veloce e saporita senza stravolgere i sapori del pescato che andremo ad utilizzare,infatti questa cottura si presta per moltissimi tipi di pesce generalmente si predilige il pescato deliscato per dare sapore al brodo oppure il carapace dei crostacei con le teste, per una bisque saporita e delicata le code e i filetti infatti vengono cotti pochi minuti prima di servirli. Tutta la cottura generalmente va dai 20 ai 30 minuti molto dipende sempre dalle dimensioni delle parti che dobbiamo cucinare.
Per la razza, in un tegame a bordi bassi rosoliamo del …

Lite in cucina. “Sogno di una notte di ottobre”Taccozzoni con fave e cozze.

Lite in cucina. “Sogno di una notte di ottobre”Taccozzoni con fave e cozze.
L’idea era quella di un piatto veloce anche oggi, ma nella mia cucina è scoppiato il putiferio Carote e sedano che litigavano io si tu no, involtini aromatizzati di cotenna che rotolavano verso la padella, la pancetta stagionata che sicura di sé canticchiava, “senza me che farai, tu dei piatti tuoi” Lo spicchio d’aglio dondolava corteggiando il peperoncino, l’olio dall’alto del suo piedistallo osservava tutti e rideva dicendo se non ci sono io non se ne fa niente. Il prezzemolo sorridente tanto Io copro tutti alla fine e sono sempre in bella vista, anche la cipolla se solo voglio vi faccio piangere e ribadisco che in alcuni piatti sono indispensabile. Alcuni pomodori secchi parlando fra loro, noi diamo colore e sapore non preoccupatevi. Un po’ più lontano un sacchetto uscito dal congelatore con fave fresche (primavera 2018) che sciogliendosi sussurrava ma dove siamo capitate E per concludere cosa ti arriva in…