Passa ai contenuti principali

La pasta del sacrestano, (cavatelli a otto dita).

La pasta del sacrestano, (cavatelli a otto dita).

Può sembrare uno scherzo, ma e proprio vero.
In alcuni piccoli borghi del mio Molise era usanza durante le celebrazioni della settimana santa, che il sacrestano con la sua famiglia, con l’aiuto di qualche vicina preparasse della pasta fresca di sola acqua e farina, da offrire ai fedeli che partecipavano alle funzioni della settimana santa.
E come si può facilmente intuire questo avveniva nei piccolissimi borghi dove i fedeli non superavano le poche decine.
Ebbene dicevamo il sacrestano preparava dei cavatelli e per velocizzare il lavoro, di realizzazione che comunque doveva far fronte a qualche decina di piatti, cavasse i classici cavatelli a due o tre dita, con otto dita, praticamente un cordoncino di pasta lungo quanto le due mani.
Il tutto veniva condito con aglio olio e peperoncino, guarnito in alcuni casi da mollica di pane tostata e qualche volta anche con della ricotta salata.
Non sono leggende di cucina, ma vita reale di piccolissime comunità, dove si condivideva tutto con piacere.

Ingredienti:

farina di semola di grano duro e farina 0, farina integrale. aglio olio peperoncino, mollica di pane tostata, ricotta salata.

Execution:

ricetta della domenica, che prevede la pasta fresca, molto semplice.
Come prima cosa impastiamo le nostre farine con acqua leggermente tiepida.
Ho utilizzato due parti di semola di grano duro, una parte di farina 0, e una parte di farina integrale.
Dopo aver lasciato riposare l’impasto, procediamo alla realizzazione di una sfoglia di circa tre mm di spessore, ricavandone successivamente delle striscioline, oppure dei cordoncini della lunghezza pari alla larghezza delle nostre otto dita vicine, caviamo così la pasta ottenendo un cavatello lungo circa 12 / 13 centimetri.
Doriamo in padella aglio olio e peperoncino e condiamo la pasta dopo averla ben lessata, guarnendo con la mollica tostata, una spolverata di prezzemolo tagliato fine fine e un po’ di ricotta salata.

Buon pranzo e buona domenica dal vostro Flaviano.









Commenti

Post popolari in questo blog

Calamarata di terra

Calamarata di terra
“Piatti veloci di giugno melanzana zucchina mela e pomodorini “
Ingredienti:
per due persone una melanzana piccola,una zucchina, 10 pomodorini e 190gr di pasta. Olio sale 4 foglie di alloro aglio mezza mela golden meglio se un po’ appassita,peperoncino origano Prezzemolo e formaggio grattugiato ( parmigiano o pecorino o ricotta stagionata) vino bianco.

Scaldiamo un filo di olio in padella con spicchio d’aglio peperoncino e le foglioline d’alloro aggiungiamo una dadolata di melanzana e zucchina abbastanza piccola  stufiamo a fiamma vivace sfumiamo con vino bianco e aggiungiamo prima la mela sempre a dadini e poi i pomodorini tagliati in quattro mescoliamo per bene e copriamo. Lasciamo andare cosi per tutto il tempo di cottura della pasta. Scoliamo la calamarata e tuffiamola nella padella dove prima avremo tolto le foglioline di alloro e lo spicchio d’aglio ultimiamo la cottura risottando e  aggiungendo un po’ di origano amalgamiamo e impiattiamo. Guarniamo con una …

Razza all’acqua pazza

Razza all’acqua pazza
La mia versione della famosissima ricetta campana
Ingredienti:
sedano cipolla alloro gambi di prezzemolo sale pochi pomodorini tagliati solo a metà, olio evo vino bianco peperoncino fresco e possiamo variare con odori e spezie che più ci piacciono esempio cumino pepe cardamomo timo origano rosmarino a secondo del sapore del pescato che andiamo ad utilizzare.
L’acqua pazza ricetta semplicissima per ottenere una cottura veloce e saporita senza stravolgere i sapori del pescato che andremo ad utilizzare,infatti questa cottura si presta per moltissimi tipi di pesce generalmente si predilige il pescato deliscato per dare sapore al brodo oppure il carapace dei crostacei con le teste, per una bisque saporita e delicata le code e i filetti infatti vengono cotti pochi minuti prima di servirli. Tutta la cottura generalmente va dai 20 ai 30 minuti molto dipende sempre dalle dimensioni delle parti che dobbiamo cucinare.
Per la razza, in un tegame a bordi bassi rosoliamo del …

Taccozzelle di farro, con ragù di carote e zucchine.

Taccozzelle di farro, con ragù di carote e zucchine.
Menù per arrivare a fine mese, pasta fresca, taccozzelle di farro con carote e zucchine.
Ingredienti:
pasta fresca con farina di farro, carote, zucchine, cipollotto, pomodori secchi, aglio,olio,peperoncino,concentrato di pomodoro e mollica di pane tostato.
Execution:
per la ricetta di oggi recuperiamo un po’ di cose dal frigo zucchine e carote che taglieremo a julienne con l’aiuto di un pelapatate, un trito di cipollotto aglio e pomodori secchi ammorbiditi precedentemente. In padella olio evo e trito di cipollotto e aglio con un po’ di  peperoncino appena inizia a sfrigolare aggiungiamo le verdure tagliate a julienne, per le zucchine solo la parte verde, lasciamo rosolare qualche minuto e aggiungiamo un po’ d’acqua e un cucchiaio di concentrato di pomodoro, aggiustiamo di sale, copriamo e lasciamo cuocere a fiamma dolce. Per la pasta usiamo solo farina di farro, che impastiamo con acqua un filo d’olio e un pizzico di sale. Come semp…