Passa ai contenuti principali

Lite in cucina. “Sogno di una notte di ottobre”Taccozzoni con fave e cozze.

Lite in cucina. “Sogno di una notte di ottobre”Taccozzoni con fave e cozze.

L’idea era quella di un piatto veloce anche oggi, ma nella mia cucina è scoppiato il putiferio
Carote e sedano che litigavano io si tu no, involtini aromatizzati di cotenna che rotolavano verso la padella, la pancetta stagionata che sicura di sé canticchiava, “senza me che farai, tu dei piatti tuoi”
Lo spicchio d’aglio dondolava corteggiando il peperoncino, l’olio dall’alto del suo piedistallo osservava tutti e rideva dicendo se non ci sono io non se ne fa niente. Il prezzemolo sorridente tanto
Io copro tutti alla fine e sono sempre in bella vista, anche la cipolla se solo voglio vi faccio piangere e ribadisco che in alcuni piatti sono indispensabile. Alcuni pomodori secchi parlando fra loro, noi diamo colore e sapore non preoccupatevi. Un po’ più lontano un sacchetto uscito dal congelatore con fave fresche (primavera 2018) che sciogliendosi sussurrava ma dove siamo capitate
E per concludere cosa ti arriva in un sacchetto buttato sul piano di lavoro!!! Cozze nere, un attimo di silenzio, subito una coalizione contro le cozze che spaventate serrano ancora più forte le loro valve.
Adesso basta mio malgrado mi sono visto costretto ad alzare la voce ed intervenire per placare quella baraonda.
Piazzo il tagliere e tranquillizzo tutti, oggi sperimentiamo quindi sarete tutti presenti,ed ecco che si apre uno sportello e vengono fuori i barattoloni di farine polverose anche noi anche noi e va bene anche voi.
Proprio così vi ho appena raccontato il sogno di stanotte e a questo punto perchè non farci un bel primo piatto unico.

Ingredienti:

Taccozzzoni maltagliati di pasta fresca semola di grano duro farina 0 e farina integrale, fave fresche congelate in primavera,involtini di cotenna aromatizzati,pancetta stagionata carote sedano cipolla aglio olio peperoncino sale prezzemolo, cozze nere possibilmente quelle dell’adriatico centrale.
Un po’ di vino bianco e di pomodori secchi.

Come o fatto.

Iniziamo preparando un soffrittone con cipolla sedano carote peperoncino gambi di prezzemolo e spicchio d’aglio tritato aggiunto quasi alla fine, un paio di pomodorini secchi tagliati a julienne un paio di involtini di cotenna e un po’ di pancetta stagionata a striscioline.
Stufiamo per bene e sfumiamo con un po’ di vino bianco lasciamo evaporare e aggiungiamo le fave fresche mescolando con la paletta in legno copriamo il tutto con acqua e lasciamo cucinare con padella coperta un paio d’ore.

Prepariamo nel frattempo la pasta le nostre farine e acqua impastiamo tiriamo la sfoglia e tagliamo velocemente senza misure precise, la pasta e pronta ci vuole veramente poco.

Puliamo le cozze con la paglietta e aggiungiamole nella padella dove ormai le fave ed il resto sono cotti, lasciamo che si aprano e appena aperte priviamo il frutto dalle valve, togliendole dalla padella che resta sempre sul fuoco,mi raccomando fiamma flebile lessiamo le nostre taccozzone tre minuti sono sufficienti, uniamole al condimento alzando leggermente la fiamma amalgamiamo per bene ed impiattiamo coprendo il tutto con una spolverata abbondante di  prezzemolo tritato finemente.
Serviamo fumante e che dire se non buon pranzo e sogni d’oro

Un salutone da Flaviano by dal legno ai fornelli









Commenti

Post popolari in questo blog

Calamarata di terra

Calamarata di terra
“Piatti veloci di giugno melanzana zucchina mela e pomodorini “
Ingredienti:
per due persone una melanzana piccola,una zucchina, 10 pomodorini e 190gr di pasta. Olio sale 4 foglie di alloro aglio mezza mela golden meglio se un po’ appassita,peperoncino origano Prezzemolo e formaggio grattugiato ( parmigiano o pecorino o ricotta stagionata) vino bianco.

Scaldiamo un filo di olio in padella con spicchio d’aglio peperoncino e le foglioline d’alloro aggiungiamo una dadolata di melanzana e zucchina abbastanza piccola  stufiamo a fiamma vivace sfumiamo con vino bianco e aggiungiamo prima la mela sempre a dadini e poi i pomodorini tagliati in quattro mescoliamo per bene e copriamo. Lasciamo andare cosi per tutto il tempo di cottura della pasta. Scoliamo la calamarata e tuffiamola nella padella dove prima avremo tolto le foglioline di alloro e lo spicchio d’aglio ultimiamo la cottura risottando e  aggiungendo un po’ di origano amalgamiamo e impiattiamo. Guarniamo con una …

Paccheri croccanti al forno

Paccheri croccanti al forno con ricotta melanzane e pomodorini conferit

Ingredienti per 4 persone Paccheri di gragnano 28 ½ chilo di ricotta fresca Due melanzane medie Un chilo di pomodorini datterini Olio evo qb Sale pepe Provola fresca oppure burrata Foglioline di menta,basilico e prezzemolo buccia di limone grattugiato.
Iniziamo lavando e asciugando i pomodorini Disporli su una teglia da forno tagliati a metà Aggiungendo un filo d’olio sale zucchero origano Inforniamo per un’ora e mezza a centoventi gradi. Tagliamo le due melanzane a dadini compresa la buccia i (dadini devono essere meno di un centimetro di lato) Friggiamoli in poco olio saliamo e lasciamoli raffreddare su carta assorbente Nel frattempo cuciniamo i nostri paccheri mi raccomando di non contarli prima perchè sicuramente qualcuno si aprira durante la cottura. In una ciotola capiente schiacciamo la ricotta un pizzico di sale pepe una lacrima di olio una fogliolina di menta E due cucchiai di latte aggiungiamo le melanzane…

Razza all’acqua pazza

Razza all’acqua pazza
La mia versione della famosissima ricetta campana
Ingredienti:
sedano cipolla alloro gambi di prezzemolo sale pochi pomodorini tagliati solo a metà, olio evo vino bianco peperoncino fresco e possiamo variare con odori e spezie che più ci piacciono esempio cumino pepe cardamomo timo origano rosmarino a secondo del sapore del pescato che andiamo ad utilizzare.
L’acqua pazza ricetta semplicissima per ottenere una cottura veloce e saporita senza stravolgere i sapori del pescato che andremo ad utilizzare,infatti questa cottura si presta per moltissimi tipi di pesce generalmente si predilige il pescato deliscato per dare sapore al brodo oppure il carapace dei crostacei con le teste, per una bisque saporita e delicata le code e i filetti infatti vengono cotti pochi minuti prima di servirli. Tutta la cottura generalmente va dai 20 ai 30 minuti molto dipende sempre dalle dimensioni delle parti che dobbiamo cucinare.
Per la razza, in un tegame a bordi bassi rosoliamo del …