Passa ai contenuti principali

Mareggiata

Mareggiata.

Ravioli di mare,spiaggiati da un'ONDA di acqua pazza.

Ingredienti per tre persone:
per l'acqua pazza potete utilizzare anche pescato diverso da quello utilizzato in questa ricetta.

Rana pescatrice (tre ), due o tre gallinelle piccole piccole solo per il sapore sei sette scampi, cozze nere vongole veraci e lupini.
sedano,peperone verde una strisciolina, cipolla, aglio cipolla olio sale pepe una mangiata di cumino prezzemolo quattro cinque pomodorini datterini una fogliolina di alloro e qualche fogliolina di basilico
piselli, ricotta,pecorino grattugiato pan grattato, buccia di limone  paprica dolce, peperoncino fresco e vino bianco.

Per i ravioli, farina di tipo zero e farina di grano duro rimacinata, acqua
il ripieno, vongole,lupini,cozze nere,piselli,ricotta pecorino grattugiato sale pepe pan grattato, basilico e prezzemolo.

come fare:
Puliamo per bene tutto il pescato, i mitili lasciamoli spurgare in acqua fredda e sale per almeno 5 ore.
 intanto cuciniamo i piselli con un trito fine di cipolla olio e sale a metà cottura aggiungiamo le cozze nere ultimiamo la cottura e teniamo da parte.
prepariamo l'impasto per i ravioli e lasciamolo riposare una mezz'ora.

togliamo la coda degli scampi  e priviamola dal carapace senza buttarlo e del filo nero (intestino), ci servirà per il brodo,lasciamo aprire le vongole e i lupini in cotture separate con  olio aglio e prezzemolo priviamole del guscio non tutte
alcune ci serviranno per la guarnitura il sughetto filtrato va conservato.

Per l'acqua pazza in una padella capiente scaldiamo l'olio con mezza cipolla tagliata grossolana una fettina di peperone il sedano,semi di cumino foglia di alloro gambi di prezzemolo e se piace un po di peperoncino fresco. A




ppena inizia a soffriggere inseriamo le teste degli scampi e il carapace tolto alle code, facciamo rosolare il tutto per bene sfumiamo con vino bianco e lasciamo evaporare aggiungiamo i pomodorini e un po di basilico copriamo con acqua e abbassiamo la fiamma e continuiamo la cottura per venti minuti.
intanto prendiamo sei sette cozze nere e leghiamole con filo da cucina per non farle aprire durante la cottura
serviranno anche queste per la guarnitura.
In una ciotola impastiamo la ricotta con un po di pan grattato il pecorino sale pepe trito di prezzemolo e basilico e tutti i frutti di vongole lupini e cozze in ultimo i piselli cercando di non schiacciarli tutti.

Stendiamo la nostra sfoglia e con il coppapasta ricaviamo dei dischetti. Mettiamo sul dischetto un po di ripieno facendo attenzione che ci sia in ognuno, la vongola la cozza qualche pisello intero insomma un po di tutto per ogni raviolo, procediamo cosi fino ad esaurimento del ripieno,i ravioli in più possiamo congelarli.
Adagiamo sopra l'altro dischetto schiacciamo tutto intorno prima con le dita e poi aiutandoci con una forchetta,creando una corolla tipo margherita, che avrà due funzioni, uno salderà per bene la pasta e secondo l'assottiglierà in modo che la cottura sia uniforme con il resto.

Mettiamo sul fuoco la pentola con acqua salata per lessare la pasta, nel frattempo aggiungiamo nel nostro brodo la rana pescatrice e le cozze legate cucinando a fiamma bassa senza coprire facendo attenzione a non spappolare il pesce. Le code degli scampi intanto le abbiamo marinate in olio con paprica dolce e adesso le friggiamo su padella antiaderente senza aggiungere nulla con la cottura acquisteranno un effetto cromatico che impreziosirà il nostro piatto.
Lessiamo i ravioli e iniziamo ad impiattare, poggiamo la pasta sul piatto da portata meglio se riscaldato,
adagiamo sopra la rana pescatrice avendo sempre cura di non romperla,le cozze legate,le vongole con le valve e il loro sughetto chiaramente caldo e versiamo un bel mestolo di acqua pazza, poggiamo le code degli scampi, una bella spolverata del trito prezzemolo e basilico ed un niente di buccia di limone grattugiato, serviamo velocemente e che dire divertitevi.








Commenti

Post popolari in questo blog

Crumble di pane tostato, aromatizzato alla curcuma e alla paprica dolce.

Crumble di pane tostato, aromatizzato alla curcuma e alla paprica dolce. Per dare croccantezza e colore alle nostre ricette, utilizzeremo del crumble di pane tostato aromatizzato alle spezie. Di seguito vi illustrerò come lo realizzo io per impreziosire e dare croccantezza ai mie piatti. Ingredienti: mollica di pane non troppo fresca un paio di giorni va bene, alloro olio evo, aglio, curcuma, paprica dolce. Execution: prendiamo della mollica di pane sgranata, non troppo rafferma, e portiamola in una padella calda, la fiamma dovrà essere bassissima, aggiungiamoci un paio di foglie di alloro e uno spicchio d’aglio sbucciato, iniziamo la tostatura mescolando insieme il composto con l’aiuto di una paletta, dopo qualche minuto aggiungiamo un cucchiaio di olio evo per mezzo kg di mollica e continuiamo a rimescolare il composto, dopo una decina di minuti inizieremo a vedere la nostra mollica che andra asciugando perdendo l’umidità in essa contenuta, sempre mescolando do

Calamarata di terra

Calamarata di terra “Piatti veloci di giugno melanzana zucchina mela e pomodorini “ Ingredienti: per due persone una melanzana piccola,una zucchina, 10 pomodorini e 190gr di pasta. Olio sale 4 foglie di alloro aglio mezza mela golden meglio se un po’ appassita,peperoncino origano Prezzemolo e formaggio grattugiato ( parmigiano o pecorino o ricotta stagionata) vino bianco. Scaldiamo un filo di olio in padella con spicchio d’aglio peperoncino e le foglioline d’alloro aggiungiamo una dadolata di melanzana e zucchina abbastanza piccola  stufiamo a fiamma vivace sfumiamo con vino bianco e aggiungiamo prima la mela sempre a dadini e poi i pomodorini tagliati in quattro mescoliamo per bene e copriamo. Lasciamo andare cosi per tutto il tempo di cottura della pasta. Scoliamo la calamarata e tuffiamola nella padella dove prima avremo tolto le foglioline di alloro e lo spicchio d’aglio ultimiamo la cottura risottando e  aggiungendo un po’ di origano amalgamiamo e impiat

Linguine al granchio reale.

Linguine al granchio reale. Granchio reale o granchio blu, specie aliena predatore vorace delle nostre specie autoctone  del nostro adriatico, arrivati con il riscaldamento del nostro mare. Lui e un alieno e vuole conquistarci, noi per aiutare il nostro mare lo catturiamo, cuciniamo e lo mangiamo  un mio caro  amico si e presentato a casa con un po’ di questi strani esseri che hanno iniziato a passeggiare per casa seminando il panico e con il mio nipotino più piccolo che li inseguiva. Dopo la parte divertente, mi preparo per la ricetta che andremo di seguito a descrivere. Ingredienti: granchio reale, olio aglio, prezzemolo basilico vino bianco pomoorini damerini freschi, peperone verde, linguine di gragnano trafilate a bronzo. Execution: armati di guanti antitaglio portiamo i granchi sotto un getto di acqua corrente strofinando il loro carapace, lasciamoli sgocciolare, adesso a contatto con l’acqua dolce saranno più calmi, scusate la fase cruenta che segue, c

Follow by Email

Informazioni personali

La mia foto
Dal legno ai fornelli
santa croce di magliano, cb, Italy
Blog di cucina, ricette della tradizione e non solo, piatti veloci, vegetariani, primi piatti di mare e di terra, zuppe legumi, risotti. Salse, finger food, e tutto ciò che riguarda il mondo del food. Potete seguire il blog e commentare i post, chiedere consigli e ricette. Flaviano Iammarino alias dal legno ai fornelli sarà sempre disponibile. Dal legno ai fornelli e anche cuoco a domicilio, affiliato alla piattaforma internet di gnammo. Com per eventi di home food Contatti. flavianoiammarino@gmail.com cell. E watsapp +39 3381864330 Pagina Facebook. Instagram, Twitter, you tube, LinkedIn, dallegnoaifornelli.