Passa ai contenuti principali

Mare d’autunno.

 

Mare d’autunno.

Il cuoco artigiano in:

Tortellacci con ripieno di ricotta e tartare di ricciola, con ragù di  funghi cardoncelli, guarniti con chicchi e riduzione di melagrana con spolverata al nero di seppia disidratato.


La pasta fresca della prima domenica d’autunno ci vedrà alle prese con una pasta ripiena, ed allora perché non approfittare per gustare un po’ di mare simbolo dell’estate con un condimento a base di funghi che la fanno da padroni in autunno, per non parlare dei frutti di questa meravigliosa stagione, il melograno.

Funghi, melagrana,pesce e pasta come metterli insieme in un armonioso connubio intenso di sapori e colori che ci farà apprezzare ancora di più la bellezza dei prodotti che ci circondano in questa stagione tiepida e stupenda che è l’autunno.

Cappellacci ripieni di mare in un intenso sapore di terra, veloci corriamo ai fornelli per realizzare la ricetta di questa tiepida domenica di ottobre.

 

 Ingredienti:

 

filetti di ricciola, ricotta, funghi cardoncelli, melagrana, nero di seppia disidratato, olio evo sale pepe prezzemolo, vino bianco e aglio.

Per la pasta, farina di semola di grano duro, farina di tipo 1, olio sale acqua e curcuma.

 

 Execution:

 

come sempre quando si parla di pasta fresca si va ad iniziare proprio preparando l’impasto, quindi dopo aver mischiato le nostre farine con un po’ di curcuma in polvere per dare colore visto che non utilizzeremo le uova, aggiungiamo un filo d’olio evo un pizzico di sale e acqua appena tiepida e realizziamo un bel panetto liscio e setoso che lasceremo riposare per ameno un ora.

Prepariamo adesso il ripieno, con i filetti di ricciola realizziamo una tartare che mescoleremo con la ricotta, pepe sale e prezzemolo tritato molto finemente, dopo aver bene amalgamato copriamo con pellicola e riponiamo in frigo.

Passiamo adesso a tagliare i funghi cardoncelli a lamelle, lasciamo dorare un paio di spicchi di aglio in padella con olio evo, quando l’aglio sarà ben dorato tuffiamo in padella i funghi lasciandoli sfrigolare e aggiungiamo un trito abbondante di gambi di prezzemolo tritati molto finemente, appena i funghi inizieranno a colorarsi sfumiamo con un po’ di vino bianco, dopo aver lasciato evaporare la parte alcolica, aggiungiamo un gambo di sedano e un mestolo di brodo vegetale continuando così la cottura a fiamma dolce, con padella coperta.

Torniamo alla pasta realizzando una sfoglia due max tre millimetri, ricaviamone dei quadrettoni di cinque centimetri di lato, posizioniamo il ripieno al centro della pasta, poi posizionandolo a mo di rombo uniamo due angoli opposti in modo da ottenere un triangolo, attacchiamo bene i lati facendo fuoriuscire l’aria e poi bagnando leggermente uniamo i due angoli del triangolo, procediamo così fino alla fine del ripieno posizioniamo i tortellacci su di un vassoio coperto da un canovaccio e teniamoli da parte.

 In ultimo prepariamo la riduzione di melagrana, dopo averla sbucciata e sgranato frulliamo i chicchi succosi e filtriamo con un colino, portiamo il succo in un pentolino e su fiamma bassa lasciamo ridurre aggiungendo solo un po’ di zucchero di canna.

Portiamo a bollore abbondante acqua per lessare la pasta, e scopriamo la padella con i funghi aggiungendo una noce di burro e alzando leggermente la fiamma, togliamo il sedano e l’aglio con l’aiuto di pinze.

Caliamo i tortellacci in acqua dopo averla salata, impiegheranno pochi minuti per la cottura, scoliamoli quindi sgocciolandoli per bene e lasciamoli saltare nella padella con il condimento spolverando con un bel trito di prezzemolo fresco, impiattiamo e guraniamo i piatti con dei chicchi di melagrana, qualche gocciolina della sua riduzione i funghi una fogliolina di prezzemolo e una leggera spolverata di nero di seppia disidratato, serviamo fumante mentre Flaviano vi augura buon pranzo e buona domenica ricordandovi sempre di seguire il blog www.dallegnoaifornelli.com per tutte le nuove ricette.
















 

 

 

 

 

Commenti

Post popolari in questo blog

Crumble di pane tostato, aromatizzato alla curcuma e alla paprica dolce.

Crumble di pane tostato, aromatizzato alla curcuma e alla paprica dolce. Per dare croccantezza e colore alle nostre ricette, utilizzeremo del crumble di pane tostato aromatizzato alle spezie. Di seguito vi illustrerò come lo realizzo io per impreziosire e dare croccantezza ai mie piatti. Ingredienti: mollica di pane non troppo fresca un paio di giorni va bene, alloro olio evo, aglio, curcuma, paprica dolce. Execution: prendiamo della mollica di pane sgranata, non troppo rafferma, e portiamola in una padella calda, la fiamma dovrà essere bassissima, aggiungiamoci un paio di foglie di alloro e uno spicchio d’aglio sbucciato, iniziamo la tostatura mescolando insieme il composto con l’aiuto di una paletta, dopo qualche minuto aggiungiamo un cucchiaio di olio evo per mezzo kg di mollica e continuiamo a rimescolare il composto, dopo una decina di minuti inizieremo a vedere la nostra mollica che andra asciugando perdendo l’umidità in essa contenuta, sempre mescolando do

Calamarata di terra

Calamarata di terra “Piatti veloci di giugno melanzana zucchina mela e pomodorini “ Ingredienti: per due persone una melanzana piccola,una zucchina, 10 pomodorini e 190gr di pasta. Olio sale 4 foglie di alloro aglio mezza mela golden meglio se un po’ appassita,peperoncino origano Prezzemolo e formaggio grattugiato ( parmigiano o pecorino o ricotta stagionata) vino bianco. Scaldiamo un filo di olio in padella con spicchio d’aglio peperoncino e le foglioline d’alloro aggiungiamo una dadolata di melanzana e zucchina abbastanza piccola  stufiamo a fiamma vivace sfumiamo con vino bianco e aggiungiamo prima la mela sempre a dadini e poi i pomodorini tagliati in quattro mescoliamo per bene e copriamo. Lasciamo andare cosi per tutto il tempo di cottura della pasta. Scoliamo la calamarata e tuffiamola nella padella dove prima avremo tolto le foglioline di alloro e lo spicchio d’aglio ultimiamo la cottura risottando e  aggiungendo un po’ di origano amalgamiamo e impiat

Linguine al granchio reale.

Linguine al granchio reale. Granchio reale o granchio blu, specie aliena predatore vorace delle nostre specie autoctone  del nostro adriatico, arrivati con il riscaldamento del nostro mare. Lui e un alieno e vuole conquistarci, noi per aiutare il nostro mare lo catturiamo, cuciniamo e lo mangiamo  un mio caro  amico si e presentato a casa con un po’ di questi strani esseri che hanno iniziato a passeggiare per casa seminando il panico e con il mio nipotino più piccolo che li inseguiva. Dopo la parte divertente, mi preparo per la ricetta che andremo di seguito a descrivere. Ingredienti: granchio reale, olio aglio, prezzemolo basilico vino bianco pomoorini damerini freschi, peperone verde, linguine di gragnano trafilate a bronzo. Execution: armati di guanti antitaglio portiamo i granchi sotto un getto di acqua corrente strofinando il loro carapace, lasciamoli sgocciolare, adesso a contatto con l’acqua dolce saranno più calmi, scusate la fase cruenta che segue, c

Followers

Informazioni personali

La mia foto
Dal legno ai fornelli
santa croce di magliano, cb, Italy
Blog di cucina, ricette della tradizione e non solo, piatti veloci, vegetariani, primi piatti di mare e di terra, zuppe legumi, risotti. Salse, finger food, e tutto ciò che riguarda il mondo del food. Potete seguire il blog e commentare i post, chiedere consigli e ricette. Flaviano Iammarino alias dal legno ai fornelli sarà sempre disponibile. Dal legno ai fornelli e anche cuoco a domicilio, affiliato alla piattaforma internet di gnammo. Com per eventi di home food Contatti. flavianoiammarino@gmail.com cell. E watsapp +39 3381864330 Pagina Facebook. Instagram, Twitter, you tube, LinkedIn, dallegnoaifornelli.